Meno incidenti in Grecia con la nuova tratta autostradale

Meno incidenti in Grecia con la nuova tratta autostradale
Dimensioni di testo Aa Aa

Un'autostrada per il carro di Apollo. Attraversare la Valle di Tempe oggi non significa più percorrere uno dei più pericolosi tratti stradali della Grecia. Parola di camionista, per la precisione il camionista Athanasios Bliatsios: "Ora è molto meglio. La strada è più sicura. Da quando sono stati costruiti e aperti al traffico i tunnel, molti dei pericoli che esistevano in questa zona sono scomparsi". L'autostrada A1, che collega Atene a Salonicco, è stata completata in questa zona del nord del paese due anni fa, sostituendo, con tre nuove gallerie, la vecchia e tortuosa strada nazionale, teatro di numerosi incidenti mortali negli ultimi decenni, il più tragico dei quali nel 2004, quando rimasero uccisi 21 liceali.

L'autostrada A1 in Grecia

Da quando questo progetto, sostenuto dalla politica di coesione dell'Unione europea, è stato completato, il numero di incidenti stradali nell'area è diminuito drasticamente.

I lavori di costruzione, rallentati dalla crisi greca, hanno richiesto sei anni in più del previsto, dal 2008 al 2017, ma alla fine la nuova infrastruttura, che ha integrato la strada europea E75, collegando la Norvegia al sud della Grecia, ha contribuito a potenziare l'economia locale e migliorare i trasporti.

In effetti, per Dimitrios Gatsonis, amministratore delegato di Aegean Motorway, che gestisce l'autostrada, "Uno dei principali vantaggi è che le gallerie migliorano la mobilità, soprattutto nella Grecia centrale e settentrionale. Il tempo di viaggio è stato ridotto significativamente, di circa 30 minuti, nella nuova sezione con i tunnel, e naturalmente è migliorata anche la sicurezza, poiché non è più necessario passare per la Valle di Tempe, ma si possono usare la nuova strada e i tunnel".

Lungo gli 11 chilometri di gallerie, una rete di telecamere di sorveglianza hi-tech permette al centro di gestione del traffico di monitorare la situazione 24 ore su 24. Utile soprattutto all'interno di uno dei tre tunnel, il più lungo dell'Europa sud-orientale con i suoi 6 chilometri. "Nei tunnel - spiega Maria Goudi del centro di controllo - ci sono più di 400 telecamere installate ogni 75 metri, dotate di un sistema in grado di rilevare incidenti e veicoli fermi, e di individuare pedoni, veicoli che viaggiano contro mano, e fumo all'interno del tunnel".

  1. Ogni giorno questa nuova tratta è percorsa da 11 mila veicoli, il 26 per cento dei quali sono camion o pullman. Negli ultimi due anni il traffico complessivo è cresciuto del 18 per cento, quello dei mezzi pesanti del 29. Anche Apollo sarebbe contento, a sentire il camionista Athanasios: "Prima era più difficile guidare in questa zona. Non potevo godermi questo splendido paesaggio. Adesso è diverso, mi piace mettermi in viaggio e guidare".