Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Officine Garibaldi, la cultura per tutti a Pisa

Officine Garibaldi, la cultura per tutti a Pisa
Dimensioni di testo Aa Aa

Una passeggiata sulle antiche mura di Pisa permette di abbracciare con lo sguardo tesori storici e perle di recente costruzione, come le Officine Garibaldi. Questa struttura polifunzionale, finanziata con il sostegno della politica di coesione dell'Unione europea, è stata soprannominata "la cattedrale di cristallo". Per scoprirla seguiamo i passi di Michele Bulzomì, giornalista, che lavora qui dal novembre 2018, e che dichiara con orgoglio: "Per me è un'occasione molto importante perché ho l'opportunità di intervistare persone molto famose".

In una città di 90 mila abitanti, questo centro ospita ogni anno 150 mila visitatori. Il bilancio complessivo è di 7,9 milioni di euro, più della metà proveniente dalla politica di coesione dell'Unione europea e il resto da fondi locali.

Michele è uno dei primi ad arrivare, ma è presto seguito da numerosi visitatori. Un vernissage al piano terra, corsi universitari al primo piano... Le Officine Garibaldi ospitano 400 eventi all'anno. Il concept è semplice: ogni "officina" lavora su un tema specifico.

Regolarmente vengono invitati dei vip. Oggi tocca a Pippo Baudo presentare il suo ultimo libro. Michele si getta su di lui per intervistarlo. I fan non mancano. L'accesso del resto è completamente gratuito, per pisani e non.

Pippo Baudo col presidente di Officine Garibaldi, Giancarlo Freggia. Adesso il famoso presentatore sta presentando il suo libro alle Officine. Avete visto alcune delle nostre dirette Facebook?

Publiée par Officine Garibaldi sur Mardi 12 février 2019

Seguiamo Michele in biblioteca, un tesoro per gli studenti che preparano le loro tesi qui, dove possono consultare più di 90 mila quotidiani, dal XIX secolo a oggi, su carta o microfilm, e oltre 15 mila libri. E questo solo per limitarsi al patrimonio locale. Ma perché porsi limiti? Alice Zucchini, responsabile della biblioteca, spiega: "La nostra biblioteca fa parte di una rete bibliotecaria provinciale, della provincia di Pisa, che è collegata al sistema bibliotecario nazionale. Quindi chi viene qui a prendere un libro può nel giro di pochi giorni avere accesso a circa tre milioni e mezzo di volumi solo per quanto riguarda la rete territoriale. E poi tutto il patrimonio nazionale nell'arco di due settimane".

La "cattedrale di cristallo" è inclusa anche nell'itinerario delle visite guidate che si tengono ogni giorno lungo i tre chilometri delle mura antiche, recentemente restaurate.