ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Vivere e lavorare in un altro paese Ue: i principi della sicurezza sociale

Vivere e lavorare in un altro paese Ue: i principi della sicurezza sociale
Dimensioni di testo Aa Aa

Avete mai pensato di trasferirvi in un altro paese per lavoro? I cittadini dell'Unione europea possono non solo viaggiare liberamente nell'area, ma anche lavorare in qualunque paese membro. Ma se decidete di trasferirvi, che cosa succede alla vostra sicurezza sociale? Come sentirsi sicuri e protetti nello stesso modo in un altro paese? Lo scopriamo in quest'episodio di Real Economy. Cominciamo dal corso accelerato.

Corso accelerato: libertà di circolazione e sicurezza sociale

17 milioni di cittadini dell'Unione europea vivono o lavorano all'estero. 12,4 milioni di questi sono in età lavorativa. Questo significa che il 4 per cento della popolazione attiva vive in un altro paese comunitario. Queste persone sono protette nello stesso modo rispetto a quelle che lavorano nel proprio paese d'origine?

Le prestazioni della sicurezza sociale si dividono in quattro aree - sanità, maternità e paternità, disoccupazione e pensioni - e si basano su quattro principi:

  1. Si è coperti dalla legislazione di un paese alla volta, per cui i contributi vanno versati in un solo paese.
  2. Gli stranieri hanno gli stessi diritti e doveri dei cittadini del paese in cui sono assicurati. Si tratta del cosiddetto principio della parità di trattamento o non discriminazione.
  3. Quando si richiede una prestazione, possono essere presi in considerazione i precedenti periodi di assicurazione, lavoro o soggiorno in altri paesi.
  4. Se si ha diritto a una prestazione in denaro da un paese, in genere la si riceve anche se si vive in un altro paese. È il cosiddetto principio della esportabilità.

A cavallo di due paesi

La metà degli espatriati europei si sono trasferiti nell'attuale paese di residenza più di dieci anni fa. Ma che cosa succede a quelli che attraversano i confini ogni giorno per andare a lavorare?

Vinciane vive con la figlia nella campagna belga, e da 18 anni percorre ogni giorno 65 chilometri per andare a lavorare sull'altro lato del confine, in Lussemburgo. "Nella regione - dice - ci siamo abituati, al di là della frontiera c'è un regime fiscale diverso, ci sono dei vantaggi. Il mio stipendio mi permette di avere una qualità di vita interessante per me e per la mia famiglia".

Il Lussemburgo è il paese che ospita la più alta percentuale di espatriati europei - il 44 per cento - seguito da Svizzera, Cipro e Irlanda. È anche il paese con la più alta percentuale di lavoratori trasfrontalieri, per la maggior parte francesi, tedeschi e belgi. 180 mila persone che, come Vinciane, vivono a cavallo di due paesi. Per loro, come funziona la sicurezza sociale? "In realtà c'è una convenzione fra i due paesi che facilita molto le cose - risponde Vinciane -. Se vado dal mio medico, ricevo un certificato che mando alla mia assicurazione, ed è la mia assicurazione belga che poi contatterà la sanità lussemburghese per il rimborso. Mi sono iscritta a un sindacato, così ricevo tutte le informazioni sulle tasse, sulla cassa malattia, sulle modifiche legislative che possono riguardarci. Mi permette di non avere problemi".

Il lavoro è una delle ragioni principali per cui gli europei si trasferiscono in un altro paese. È la mancanza di manodopera a far sì che in Lussemburgo si trovi la percentuale più alta di lavoratori stranieri. Ma che cosa succede se un lavoratore transfrontaliero resta disoccupato? Vinciane spiega: "Con un congedo per malattia di oltre 52 settimane su due anni si può venire licenziati. Se si è licenziati in Lussemburgo, si torna alla disoccupazione del proprio paese d'origine, può essere più complicato e più difficile".

Ma Vinciane non si preoccupa, sa che il benessere della sua famiglia non è a rischio. Ma è così per tutti i lavoratori mobili? Risponde Julien Dauer, un esperto della legislazione nel settore: "Quando si attraversa la frontiera si hanno molti dubbi: le leggi sono diverse, e questo fa paura. Fra diritto del lavoro, sicurezza sociale e fisco, l'ambito che risulta più facile, meglio armonizzato, è quello della sicurezza sociale. Non ci sono molte procedure da fare, e quando ci si sposta, che sia per cercare lavoro o per ritornare nel proprio paese di residenza, la legislazione europea è molto precisa, le amministrazioni si scambiano le informazioni, che circolano facilmente, e quindi alla fine non si è troppo persi nel momento in cui si sa a chi rivolgersi".

In pensione all'estero

La libera circolazione permette non solo di viaggiare e di lavorare in un paese straniero, ma anche di chiedere la pensione in un altro paese membro. Daniel French ha lavorato nel campo dell'aviazione in tutto il mondo, per imprese belghe, francesi e lussemburghesi. "Vado in pensione fra qualche mese - annuncia -. Il funzionamento è molto semplice: siccome il mio ultimo datore di lavoro ha sede in Lussemburgo, spetterà all'ufficio previdenziale lussemburghese raccogliere tutti i dati dai vari paesi europei dove ho lavorato per stabilire l'ammontare della pensione".

Il numero di lavoratori sopra i 50 anni d'età è più che raddoppiato negli ultimi 20 anni. Qual è l'impatto sui paesi europei come il Lussemburgo? Per capirlo, siamo andati a Belval, dove ha sede l'Istituto di ricerca socioeconomica del Lussemburgo, e l'abbiamo chiesto al dottor Franz Clément, che ci ha spiegato: "Potrebbe essere un grosso problema non solo per il Lussemburgo o per altri paesi europei, ma per l'intera Unione europea. Bisogna dirlo, perché questo problema riguarderà tutti i paesi europei, e quindi saremo tutti coinvolti. Le norme sul coordinamento dei regimi di sicurezza sociale riguardano tutti i paesi dell'Unione europea, in futuro non sarà possibile per un solo paese fare la sua politica all'interno di questa struttura generale".

Fare 50 chilometri due volte al giorno per andare al lavoro in un altro paese, tornare in patria dopo 20 anni per godersi la pensione, o attraversare i confini in cerca di nuove opportunità... In tutti questi casi la libera circolazione non sarebbe possibile se non si proteggessero i diritti garantiti dalla sicurezza sociale dei lavoratori mobili dell'Unione europea e delle loro famiglie.