Berlinale 2019: svelati i film in concorso

Berlinale 2019: svelati i film in concorso
Dimensioni di testo Aa Aa

Si sta per alzare il sipario sulla 69esima edizione del Festival di Berlino, kermesse cinematografica che non ha mai smesso di puntare su temi scottanti e di attualità politica. Molti i titoli che, dal 7 al 17 febbraio, declineranno il tema del valore e delle conseguenze politiche dei comportamenti privati.

"Cerchiamo di approfondire il senso del nostro comportamento quotidiano nel mondo - ha spiegato il direttore della kermesse DIETER KOSSLICK- il riscaldamento globale, il tema della produzione agricola e del cibo che mangiamo, coi nostri film vogliamo mettere in luce il fatto che i comportamenti privati oggi sono piu' politici che mai".

L'attrice e regista francese Juliette Binoche, già vincitrice dell'Orso d'Argento, presiede la giuria internazionale del festival nato nel 51, in piena guerra fredda e in una Berlino divisa in due.

Tra i film in concorso: "Grâce à Dieu" del regista Francois Ozon, affronta il tema degli scandali sessuali nella Chiesa cattolica, unico film francese in lizza, si ispira al caso del parroco di Lione Preynat reocconfesso di abusi sessuali su minori.

Fatih Akin - ultimo regista tedesco a vincere l'Orso d'Oro nel 2004 - torna sul red carpet con un thriller horror dal titolo "The Golden Glove", un adattamento del romanzo best-seller di Heinz Strunk su un serial killer che perseguita gli abitanti di Amburgo durante i primi anni '70.

Il cinema italiano fa il tifo per "La paranza dei bambini" di Claudio Giovannesi, regista romano già noto per pellicole come "Alì ha gli occhi azzurri" e "Fiore". Il film è tratto dal romanzo omonimo di Roberto Saviano