ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Guerra di parole: le accuse tra Mosca e Kiev

Lettura in corso:

Guerra di parole: le accuse tra Mosca e Kiev

Guerra di parole: le accuse tra Mosca e Kiev
Dimensioni di testo Aa Aa

La guerra di parole tra Ucraina e Russia si è intensificata dall'incidente nello Stretto di Kerch. Entrambe le parti si accusano a vicenda di aver condotto delle provocazioni.

Euronews ha parlato sia con Andriy Parubiy, presidente del parlamento ucraino e Konstantin Kosachev, presidente della commissione affari esteri della Duma russa.

Andriy Parubiy, Presidente del parlamento ucraino:

"Sono convinto che ci sia stata una deliberata provocazione da parte delle forze russe al fine di costringere Ucraina a usare misure più attive, simili a quello che è successo in Georgia nel 2008. Avevamo delle informazioni secondo le quali dopo questa provocazione le forze russe avrebbero potuto intraprendere azioni più aggressive contro l'Ucraina. Questo è il motivo per cui le autorità ucraine hanno deciso di imporre la legge marziale".

Konstantin Kosachev, presidente della commissione affari esteri della Duma russa.

"È ovvio che se l'Ucraina, da sola o con l'aiuto dei suoi alleati, cerca in qualche modo di risolvere le questioni con i mezzi militari, andrà verso una sconfitta militare. Il presidente ha invocato la legge marziale, e questo significa solo una cosa : che l'incidente stesso è stato provocato per imporre la legge marziale ".

Il Segretario Generale della NATO ha dichiarato che "la militarizzazione russa in Crimea, del Mar Nero e del Mar d'Azov, pone ulteriori minacce all'indipendenza dell'Ucraina e alla stabilità della regione".

Andriy Parubiy, Presidente del parlamento ucraino

"Ho chiesto al Segretario Generale della NATO di aumentare la presenza dei paesi membri del Mar Nero, il che include la presenza aerea e navale, e questa potrebbe essere l a migliore garanzia per la sicurezza di quest'area dalle aggressioni della Russia".

La presenza della NATO nel mar Nero è vista come una minaccia dalla Russia, sebbene l'alleanza possa introdurre naviu per periodi limitati e prive di armi pesanti.

Andriy Parubiy Presidente del parlamento ucraino:

"Senza dubbio dagli ultimi sviluppi, la Russia ha voluto dimostrare che è l'unica a poter controllare il mare di Azov, è stata la sfida della Russia verso tutto il mondo. Ma è importante ammettere che le loro intenzioni sono molto più grandi e più globali. Si dice Putin abbia detto che il crollo dell'Unione Sovietica sia stata la più grande tragedia geopolitica del XX secolo, frase che risponde a tutte le domande: il Cremlino vuole ripristinare il controllo del territorio geopolitico ex sovietico. L'Ucraina e il mare di Azov - questo è solo un altro passo per loro ... Ecco perché i nostri soldati in prima linea stanno proteggendo non solo l'Ucraina, ma il mondo libero".