ULTIM'ORA
This content is not available in your region

16enne suicida, appello Pm Forlì

16enne suicida, appello Pm Forlì
Su assoluzione del padre da istigazione e esclusione aggravante
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – BOLOGNA, 27 OTT – La Procura di Forlì ha impugnato
la sentenza del processo sul suicidio della sedicenne Rosita
Raffoni, che il 17 giugno 2014 si lanciò dal tetto della sua
scuola nella città romagnola. A giugno i genitori, Roberto
Raffoni e Rosita Cenni, erano stati condannati a tre anni e
quattro mesi di carcere per maltrattamenti. L’appello dei pm
riguarda l’assoluzione, per il padre, dall’accusa di istigazione
al suicidio (in primo grado erano stati chiesti sei anni) e
l’esclusione, per entrambi, dell’aggravante della morte della
vittima dal delitto di maltrattamenti. Se ne occuperà la Corte
di assise di appello di Bologna. Nella sentenza di primo grado, i giudici di Forlì avevano
sottolineato, tra l’altro, “l’indifferenza, il distacco emotivo,
la mancanza di dialogo e empatia, il disinteresse, il fastidio,
provato nei confronti di una figlia straordinariamente sensibile
e intelligente” che, prima di uccidersi, lasciò in video e in
lettera pesantissime accuse ai genitori, dicendo di sentirsi
odiata.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.