Esodo di massa dal Kosovo: Serbia e Ungheria incrementano la vigilanza alle frontiere

Esodo di massa dal Kosovo: Serbia e Ungheria incrementano la vigilanza alle frontiere
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

La Serbia ha schierato forze speciali di polizia lungo il confine con l’Ungheria per fermare l’esodo di massa di migranti illegali kosovari di etnia

PUBBLICITÀ

La Serbia ha schierato forze speciali di polizia lungo il confine con l’Ungheria per fermare l’esodo di massa di migranti illegali kosovari di etnia albanese. Un’intesa è stata di recente raggiunta tra Serbia, Ungheria, Germania e Austria per rafforzare la vigilanza alle frontiere. Sarebbero 20 mila al mese, secondo i media locali, i kosovari che fuggono da povertà e disoccupazione verso i Paesi del nord Europa, soprattutto Germania, Austria, Francia, Svezia dove spesso presentano domande di asilo.

“Ce ne stiamo andando perché non riusciamo a trovare un lavoro. Cosa dobbiamo fare? Non c‘è occupazione, non c‘è futuro, non c‘è niente. Dove sono quei politici che non si occupano della gente? Dovrebbero venire qui a vedere le persone che stanno fuggendo, invece sono seduti nei loro uffici”, dice un kosovaro.

Dallo scorso agosto avrebbero lasciato il Kosovo oltre 100 mila persone, su una popolazione di 2 milioni di abitanti. La disoccupazione supera il 40%, la corruzione e la criminalità sono dilaganti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ultimatum di Borrell al Kosovo: indire nuove elezioni municipali nei comuni in protesta

Portogallo, 50 anni dal 25 aprile e dalla rivoluzione: cosa resta da fare?

Crisi in Medio Oriente: quale futuro per la difesa comune europea