ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Polonia lancia la battaglia delle mele contro l'embargo russo

Lettura in corso:

La Polonia lancia la battaglia delle mele contro l'embargo russo

La Polonia lancia la battaglia delle mele contro l'embargo russo
Dimensioni di testo Aa Aa

Una mela al giorno leva Putin di torno. Oggi è questo l’adagio più popolare in Polonia. Il Paese è stato tra i primi, in Europa, a subire le conseguenze dell’embargo decretato da Mosca contro i prodotti agroalimentari dell’Unione: una ritorsione per le sanzioni approvate da Bruxelles e Washington in merito al conflitto in Ucraina.

La Polonia è il primo esportatore mondiale di mele e quello russo è il suo mercato di riferimento, un mercato da oltre 270 milioni di euro nel 2013, secondo i dati forniti dalla Commissione europea.

Di fronte alla prospettiva di veder marcire 670mila tonnellate di mele destinate alla Russia, uomini di spettacolo, politici e giornalisti hanno lanciato una campagna sui social media per incoraggiare i polacchi a sostenere i produttori locali, consumando mele e sidro.

Sebbene la campagna sembri avere successo, il governo di Varsavia stima che le sanzioni russe avranno l’effetto di frenare la crescita del Prodotto interno lordo dello 0,6% quest’anno. Il vice primo ministro, Janusz Piechocinski, ha auspicato che il braccio di ferro con Mosca spinga gli agricoltori polacchi a trovare altri mercati. “La Russia – ha detto – è sempre stata una cliente lunatica”.

La guerra delle sanzioni sta avendo conseguenze anche in alcune parti della Russia, specie a San Pietroburgo, dove i prezzi dei prodotti alimentari sono aumentati del 10%, aggravando una tendenza inflazionistica che era emersa anche prima del contenzioso con Europa e Stati Uniti sulla crisi in Ucraina.