This content is not available in your region

Festival di Cannes: porte chiuse ai russi? Ecco cosa dice il direttore del festival

euronews_icons_loading
Festival di Cannes 2022
Festival di Cannes 2022   -   Diritti d'autore  Petros Giannakouris/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Di Ludovica Longo

A Cannes tutto è pronto per la 75esima edizione del festival del cinema.

Un'edizione che non può ignorare il conflitto tra Russia e Ucraina.

"Abbiamo diffuso un comunicato stampa due mesi fa, proprio all'inizio della guerra, per chiarire la nostra posizione in maniera precisa: nessun delegato russo, membro di organi del governo russo, il quale sta perpetrando la guerra in Ucraina sarà il benvenuto."

"Comprendo benissimo l'idea di un boicottaggio generale che ci è stata proposta , capisco perche ci venga richiesto per lo meno, perche ci sono persone che sono letteralmente sotto i bombardamenti in questo momento, è un paese sotto attacco, un paese che è stato invaso."

Queste le dure parole del direttore del festival Thierry Fremaux il quale ci ha tenuto a ribadire che il Festival ci sarà ma non aprirà le sue porte ai russi .

"Crediamo che, forse proprio perche ¨ci è piu facile, dovremmo fare una distinzione tra i russi che assumono dei rischi per sostenere la linea ufficiale e coloro che vogliono invece denunciare cio che sta accadendo,e ovviamente quest'ultima, è la posizione del festival."

"Vogliamo mostrare supporto assoluto e non negoziabile al popolo ucraino e i suoi rappresentanti."

Al film diretto dal lituano Mantas Kvedaravicius, ucciso dalle forze russe in ucraina il mese scorso, verrà dedicata una proiezione speciale.