Zelensky: "L'Ucraina resisterà. Mosca usa l'inverno per seminare terrore"

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini
Kherson sotto le bombe russe
Kherson sotto le bombe russe   -   Diritti d'autore  Evgeniy Maloletka/Copyright 2020 The AP. All rights reserved

Dopo essere stata liberata, Kherson continua ad essere bombardata dall’artiglieria russa. Piovono missili su edifici e infrastrutture. La città, nel sud dell'Ucraina, è stata colpita dai raid russi per 46 volte in un solo giorno. Lo rende noto su Telegram Kyrylo Tymoshenko, numero due dell'ufficio presidenziale ucraino.

La vicinanza alla linea del fronte rende tutto molto più difficile per gli ucraini che non fuggiti dalla città, soprattutto cercare di riconquistare una parvenza di vita normale anche se mancano i servizi essenziale e sta arrivando l’inverno.

Il presidente Volodymyr Zelensky, nel suo consueto messaggio, ha ribadito che il nemico, ovvero Mosca, spera di usare l'inverno contro il popolo dell’Ucraina per trasformare in terrore il gelo e le difficoltà. Dobbiamo fare di tutto per sopravvivere, ha sottolineato Zelensky non importa quanto sia duro. Resisteremo. Sopporteremo tutto. La Russia ha ancora missili e un vantaggio nell'artiglieria. Ma noi abbiamo qualcosa che l'occupante non ha e non avrà. Proteggeremo sempre la nostra patria e questo ci dà e ci darà un forte motivazione sempre ".

La popolazione non perde il morale, soprattutto quando vede che i suoi soldati non si arrendono. La situazione tuttavia è molto complicata. A Leopoli manca ancora luce e riscaldamento. In tutto il paese l'elettricità non sempre c’è e anche le altre forniture scarseggiano.

Intanto l’azienda per l’energia ucraina Dtek ha fatto sapere che da questo lunedì, 5 dicembre – nella capitale ucraina Kiev e in altre quattro regioni “torneranno le interruzioni di corrente programmate”. 

"Questa decisione – continua l’azienda – è stata presa a fronte di una "situazione difficile nel sistema di alimentazione. Pertanto, vi chiediamo di comprendere eventuali deviazioni che potrebbero verificarsi per bilanciare il sistema di alimentazione.” La gente che è rimasta in Ucraina non si abbatte. La vita continua anche sotto le bombe.