This content is not available in your region

Tensione in Moldavia: la questione irrisolta della Transnistria

Access to the comments Commenti
Di Ludovica Longo
Bandiera della Transnistria
Bandiera della Transnistria   -   Diritti d'autore  Dmitri Lovetsky/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved   -  

A 30 anni dalla guerra in cui hanno perso la vita 300 cittadini moldavi, l'attraversamento del Nistro, fiume che separa l'Ucraina e la Transnistria, è ostacolato dalle milizie separatiste, dai soldati russi e dalla polizia moldava.

La situazione è molto simiile per gli abitanti del villaggio di Varnita, vicino al confine con la Transinistra, devastato dal sanguinoso conflitto 3 decenni fa.

"A livello internazionale, la guerra in Ucraina ha attirato l'attenzione su un altro conflitto- ovvero quello che riguarda la regione separatista della Transnistria nella repubblica moldava. Gli scontri, che durarono 5 mesi nel 1992 sono stati i piu sanguinosi dalla caduta dell'Unione Sovietica", ci ha riferito Anatol Câșlaru, inviato di Euronews Romania.

Nel villaggio di Varnita, sotto il controllo Moldavo, cresce la paura. Sono stati schierati 2000 soldati russi, come parte delle forze per il mantenimento della pace disposte nel 1992 dalla russia e dal CIS.

"Vedi cosa hanno fatto in Ucraina? L'hanno invasa e hanno iniziato ad uccidere. Non si scherza con i russi", ha affermato un cittadino moldavo.

"C'è il rischio che Varnita passi sotto l'amministrazione del regime separatista", ha aggiunto un altro.

Un ex-ambasciatore della Repubblica Moldava negli Stati Uniti, Igor Munteanu, sostiene che il rischio di un'espansione del conflitto ucraino fino ai territori della Moldavia è abbastanza alto.

"La Russia non ha ancora rinunciato alle sue ambizioni di occupare i territori della ex-Unione Sovietica. A testimoniarlo la massiccia presenza militare nel Dombass, i numerosi tentativi di ottenere la superiorità navale nel Mar Nero e gli assalti militari nella regione meridionale della Bessarabia", ha spiegato.

Le autorità a Chisinau stanno monitorando con estrema attenzione la situazione nella regione separatista filo- russa. Specialmente da quando l'esercito in Transinistra e le truppe russe della regione sono state messe in allerta.

La Repubblica Moldava ha un piccolo esercito di circa 6000 tra ufficiali e soldati. Le forze militari non hanno carri armati e sono dotati per la maggior parte di equipaggiamenti militari sovietici ormai datati.

Secondo le autorità, la Repubblica Moldava dovrebbe essere attrezzata secondo gli standard della Nato.