Vita quotidiana di confine tra Russia e Ucraina: frontiere chiuse, temendo il peggio

Access to the comments Commenti
Di Euronews Russia - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Autostrada Mosca-Kharkiv: deserta.
Autostrada Mosca-Kharkiv: deserta.   -   Diritti d'autore  Screengrab by AFP video

L'autostrada Mosca-Kharkiv è praticamente deserta.

Alla Lavrova ha 56 anni ed è la proprietaria di una caffetteria sull'ultimo tratto russo dell'autostrada, a circa 13 km dal confine ucraino, all'altezza di Oktyabrsky, nel sud-ovest della Russia.
Guarda fuori dalla vetrina, ma i clienti di passaggio sono sempre meno.
La vicenda Russia-Ucraina ha ripercussioni ormai nella vita di tutti i giorni.

Screengrab by AFP video
Vista dall'interno della caffetteria.Screengrab by AFP video

**Una vita di frontiera, tanti pezzi di storia (bellicosa)

**

"Ora mio fratello e mia sorella, che vivono nella parte ucraina della frontiera, non possono nemmeno venire qui a trovarmi, neppure andare sulla tomba dei nostri genitori, perché c'è questa situazione cosi tesa tra Russia e Ucraina... E, semplicemente, non possono entrare".

Screenshot
Alla Lavrova dietro il bancone della sua caffetteria.Screenshot

Molti residenti di questa città (circa 100.000 abitanti), Oktyabrsky, hanno dovuto adattarsi per rimanere in contatto con i propri cari fin dal 2014, dopo un'insurrezione dei separatisti sostenuti dalla Russia nell'Ucraina orientale, che fu - dopo la reazione ucraina - il prologo alla Guerra nel Donbass.

"Mi dispiace che la Russia e l'Ucraina siano finite in questa crisi, con il rischio di una guerra", aggiunge Alla Lavrova, lanciando uno sguardo di disapprovazione alle orme infangate che i suoi pochi clienti hanno lasciato sul pavimento.
"Tra noi gente comune i rapporti sono buoni e umani. Ma nelle alte sfere, a quanto pare, è diverso", riferendosi a Putin e Zelensky, i due presidenti.

"Sopravviveremo anche a questo!

Fino a pochi mesi fa, attraversare il confine ucraino per lavorare, fare acquisti e visitare la famiglia e poi tornare in Russia era relativamente facile, anche in epoca-Covid, ma adesso è tutto diventato complicato, quasi impossibile.

Vladimir, 70 anni, elettricista in pensione, ha una sorella che vive a Lugansk, in Ucraina, capitale dell'autoproclamata Repubblica Popolare di Lugansk.
"Siamo preoccupati per lei. Le abbiamo detto: "Vieni da noi, che la situazione lì è pericolosa!". Ma lei non vuole, dice: "Ce la faremo! Siamo sopravvissuti al 1941, sopravviveremo anche a questo".

Screenshot
"Sono preoccupato per mia sorella che vive in Ucraina".Screenshot

La neve di Belgorod, città a 40 km dal confine con l'Ucraina, pare attutire la tensione palpabile che c'è nell'aria.
Ma sembra davvero soltanto una situazione di calma apparente.

Screengrab
Una cartolina innevata (e preoccupata) da Belgorod.Screengrab

Risorse addizionali per questo articolo • TRADUZIONE, DOPPIAGGIO, WEB: CRISTIANO TASSINARI