ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Argentina: primo sì all'aborto legale

Lettura in corso:

Argentina: primo sì all'aborto legale

Argentina: primo sì all'aborto legale
Dimensioni di testo Aa Aa

Tredici anni di battaglia contro la maggioranza cattolica del Paese per introdurre il diritto all'aborto, risultato che sembrava impossibile, poi un primo goal. L'Argentina ha fatto un passo verso l'aborto legale. La camera dei deputati questo giovedì dopo 23 ore di dibattito continuo ha votato la legge che cassa il divieto di aborto.

Il presidente Mauricio Macrì, personalmente contrario, aveva detto che comunque non avrebbe: "C'è stato un dibattito storico - ha detto Macrì -, come avviene nelle democrazie. Siamo stati capaci di gestire le diverse visioni con rispetto e tolleranza, ascoltandoci e comprendendo che lavia del dialogo è l'unica che fa bene al futuro. Dunque congratulazioni a tutti, ora la discussione continua al senato".

Nel Paese che consente l'aborto solo in caso di stupro o rischi mortali per la donna incinta, la notizia della prima vittoria è stata accolta dal fronte abortista con grande gioia. In Argentina l'aborto clandestino è una piaga tanto grande che la prima causa di morte per le donne incinte coincide proprio con complicanze durante aborti non sicuri. Se la legge dovesse passere anche al senato in argentina sarebbe possiblile l'interruzione volotnaria di gravidanza entro la 14esima settimana e in strutture pubbliche.