ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Merkel e l'euro, un passo verso Macron

Lettura in corso:

Merkel e l'euro, un passo verso Macron

Merkel e l'euro, un passo verso Macron
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo le dichiarazioni del weekend sull'euro e su come migliorare l'Unione europea, Angela Merkel è intervenuta ancora una volta sul tema lunedì in una conferenza a Berlino: "Ciò di cui abbiamo bisogno è, a mio avviso, una maggiore indipendenza in Europa dal Fondo monetario internazionale - ha detto -. Dovremmo avere un nostro fondo monetario europeo che ci permetta di essere preparati in tutti i casi di crisi".

Domenica sulla stampa tedesca la cancelliera ha fatto qualche concessione alle idee del presidente francese Emmanuel Macron su una riforma della zona euro.

Dal Parlamento europeo sono giunte reazioni contrastanti.

Il liberale Guy Verhofstadt ha twittato: "Finalmente qualche segnale positivo sulla tanto necessaria riforma dell'Unione europea. Non possiamo continuare a dipendere da altri per la nostra sicurezza e prosperità".

Un entusiasmo non condiviso dal verde Philippe Lamberts, che ai nostri microfoni ha smontato la portata rivoluzionaria delle dichiarazioni di Merkel: per lui "Non c'è nulla di nuovo. E non si avvicina a quel che ci vuole per rendere l'euro resiliente. Anche le proposte di Macron non sono sufficienti se veramente vogliamo rendere l'euro forte".

Il presidente francese e la cancelliera tedesca si incontreranno di nuovo il 19 giugno a Berlino, in vista del vertice di fine mese in cui presenteranno la loro visione dell'Europa.