ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Irruzione in una radio, giornalista russa accoltellata

Tatyana Felgenhauer, 32 anni, colpita alla gola, è in condizioni definite serie ma "stabili". Interrogato assalitore, aperto fascicolo per tentato omicidio

Lettura in corso:

Irruzione in una radio, giornalista russa accoltellata

Dimensioni di testo Aa Aa

La vicedirettrice della stazione radiofonica Ekho Moskvy, Tatyana Felgenhauer, 32 anni, è stata accoltellata da un uomo che si è introdotto nell’edificio questa mattina, 23 ottobre.

La giornalista, conduttrice di un programma, è stata colpita al collo e trasportata d’urgenza in ospedale in condizioni critiche, come riporta l’agenzia di notizie Tass. L’uomo è stato arrestato dalle guardie di sicurezza. Ancora ignoti i motivi del suo gesto.


Alexei Venediktov, il responsabile editoriale della stazione radiofonica, ha detto che l’uomo ha utilizzato dello spray al peperoncino per mettere fuori gioco la guardia di sicurezza all’ingresso del palazzo. Ha aggiunto che Felgenhauer è in condizioni “stabili”. “Il nostro lavoro continua normalmente”, si legge sul sito dell’emittente. “L’Ekho rafforzerà le misure di sicurezza dopo l’incidente”.

Testimoni riferiscono che l’assalitore non avrebbe detto nulla: è sembrato intenzionato a voler abbracciare la giornalista prima di colpirla. Vitaly Ruvinsky, che lavora all’Echo of Moscow, ha pubblicato questi scatti.

Felgenhauer era nota nel Paese non solo per il suo programma radiofonico ma anche per le frequenti apparizioni in televisione. E’ il volto più conosciuto della stazione indipendente russa Le autorità hanno aperto un fascicolo per tentato omicidio.

Scrive Buzzfeed che l’attacco arriva meno di due settimane dopo che Russia 24, emittente statale, ha messo in onda un programma in cui Ekho Moskvy veniva definita al soldo dei servizi segreti esteri. Felgenhauer è stata menzionata direttamente. “Yulia Latynina, conduttrice sulla radio indipendente e opinionista per Novaya Gazetta, è stata costretta a fuggire dalla Russia dopo una serie di attacchi”.



L’assalitore, identificato come Boris Grits, è stato interrogato. Questo il video pubblicato dal Ministero degli Interni in cui sostiene di aver avuto un contatto telepatico con la giornalista per cinque anni. Era ossessionato sessualmente da lei, scrive RT :


Alexey Navalny, politico e blogger e uno dei principali personaggi politici dell’opposizione,ha criticato il modo di coprire la notizia delle agenzie di stampa, Ria Novosty e Interfax, ree a suo dire di aver subito tratto conclusioni sulle cause del gesto.


Il politico Eduard Limonov, famoso in Russia per le opinioni di certo non moderate e per la biografia che ne ha scritto Emmanuel Carrère, ha twittato:


in aggiornamento