ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Giungla di Calais 'quasi' deserta, Ong "2 mila migranti scappati nei dintorni"

È praticamente deserta la Giungla di Calais, il campo profughi più vasto d’Europa.

Lettura in corso:

Giungla di Calais 'quasi' deserta, Ong "2 mila migranti scappati nei dintorni"

Dimensioni di testo Aa Aa

È praticamente deserta la Giungla di Calais, il campo profughi più vasto d’Europa.

I numerosi roghi divampati in mezzo alle tende e l’esplosione delle bombole di gas disseminate tra i detriti, hanno costretto infatti le autorità ad accelerare lo sgombero, iniziato lunedì.

Un cittadino siriano è stato ricoverato in ospedale e quattro persone sono state arrestate con l’accusa di incendio doloso.

“Questa giornata segna la fine della giungla, è un momento molto importante – ha detto Fabienne Buccio, prefetto di Calais – Molte cose sono successe, un’incredibile esperienza umana ha avuto luogo in questo campo, con tutte le sue comunità. Ma ora voltiamo pagina ed è un pagina positiva perché queste persone stanno per essere accolte in Francia e stanno per iniziare una nuova vita”.

Mille persone – nella quasi totalità minori non accompagnati – tra le 6 mila e le 8 mila che erano presenti nella giungla, sono in un campo di transito, in attesa di una sistemazione. Le altre sono state trasportate in autobus in 55 centri di accoglienza di nove regioni.

Ma le Ong stimano che almeno duemila migranti siano scappati nei dintorni. Il timore è che presto si riuniscano da un’altra parte e diano vita a un secondo accampamento.

Un gruppo di cinquanta donne ha manifestato per chiedere di poter “lasciare la giungla”, ma per “andare in Inghilterra”.