ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Incerto destino per i 1300 minori non accompagnati di Calais


Francia

Incerto destino per i 1300 minori non accompagnati di Calais

Si tratta tra Londra e Parigi sul destino di almeno 1300 minori non accompagnati residenti nel campo di Calais.

La Gran Bretagna si è impegnata ad accogliere intanto coloro che abbiano legami familiari nel Regno Unito, ma le autorità francesi lamentano ritardi e poca collaborazione.

“E’ come stare sul sedile dei passeggeri in un’auto che lentamente si avvicina al precipizio. Sapevamo che sarebbe stato demolito, sappiamo che l’ultima volta che si è fatta una cosa del genere si sono persi 126 minori, e sappiamo che stavolta potrebbe essere perfino peggio”.

Una situazione che preoccupa le associazioni per la tutela dei diritti dei minori.

“Questi ragazzi verranno seguiti da personale dei servizi sociali, e verranno accolti in case rifugio. In molti casi sono soluzioni dell’ultimo minuto. E’ positivo che il governo abbia cambiato posizione, ma è tardi ormai, e dobbiamo essere sicuri che nessun minore resti indietro”.

Sin dall’inizio delle operazioni di evacuazione gli operatori sociali hanno lamentato la mancanza di informazioni chiare da parte delle istituzioni sui tempi e i modi del trasferimento dei minori.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Francia: al via lo smantellamento della 'Giungla' di Calais