ULTIM'ORA

Lettura in corso:

L'attacco di Nizza progettato per mesi

mondo

L'attacco di Nizza progettato per mesi

Pubblicità

L’attentatore di Nizza aveva preparato l’attacco da mesi e non ha agito da solo.
Lo afferma il procuratore della repubblica francese François Molins, citando prove della partecipazione delle 5 persone fermate e di cui è stata richiesta la custodia cautelare in carcere.

La mancanza di segni evidenti di radicalizzazione di Mohamed Lahouaiej Bouhlel sarebbe dovuta alla volontà di dissimulare i suoi propositi.

“È a partire dai dati telefonici che sono stati posti in stato di fermo i 5 individui apparsi ora davanti alla giustizia”, ha precisato Molins. “È emerso il loro coinvolgimento nella preparazione del passaggio all’azione. I legami tra Mohamed Lahouaiej Bouhlel e le persone fermate sono apparsi anche attraverso gli elementi raccolti sul camion e sulle armi.”

L’attentato di Nizza ha causato 84 morti di 19 nazionalità diverse e più di 200 feriti, di cui 15 sono ancora in pericolo di vita.
Bouhlel è stato ucciso dagli agenti che gli hanno sparato per fermare la corsa del suo camion.

“È emerso a questo stadio delle indagini e in base alle diverse ricerche e fotografie – ha aggiunto Molins – che Mohamed Lahouaiej Bouhlel sembra aver ideato e maturato il suo progetto criminale vari mesi prima di passare all’azione.”

Intanto, non si è spenta l’eco delle polemiche sulla scarsa presenza di polizia a Nizza per le celebrazioni del 14 luglio. Al quotidiano Libération che ha sollevato l’argomento, il governo risponde affermando che le polemiche sono fuori luogo.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo