ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Venezuela: aggrediti parlamentari dell'opposizione

mondo

Venezuela: aggrediti parlamentari dell'opposizione

Pubblicità

A Caracas, un gruppo di parlamentari dell’opposizione è stato aggredito davanti alla sede del Consiglio nazionale elettorale.

Il gruppo di deputati intendeva chiedere al Consiglio di dichiarare valide le firme presentate per ottenere un referendum contro il presidente del Venezuela. Ma erano attesi da sostenitori di Nicolas Maduro.

Ferito al volto, il capogruppo dell’opposizione in Parlamento Julio Borges ha detto alla stampa:

Chiediamo di esercitare un diritto iscritto nella Costituzione – art. 72 – un referendum significa pace.

Scontri all’Università

Nelle stesse ore, gli studenti universitari legati ai partiti d’opposizione si scontravano con la polizia, sempre nella capitale.

La richiesta della consultazione popolare sta esacerbando ancora di più gli animi in Venezuela, soprattutto dopo la dichiarazione di Maduro di due giorni fa, secondo il quale, siccome un terzo delle firme è stato invalidato, anche la richiesta di votare sulla sua destituzione non sarebbe valida.

La popolazione è ridotta alla fame, molti generi di prima necessità non si trovano più in un paese che è costretto a importare molto di quanto consuma. I saccheggi sono quotidiani.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

Prossimo Articolo