This content is not available in your region

Ocse boccia la Brexit, una "tassa" per i cittadini senza vantaggi nè per Londra nè per Bruxelles

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Ocse boccia la Brexit, una "tassa" per i cittadini senza vantaggi nè per Londra nè per Bruxelles

<p>L’Ocse cala la scure di un realismo pessimista sulle prospettive della “Brexit”.</p> <p>Se il Regno Unito lasciasse l’Europa, sostiene l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, ogni cittadino britannico pagherebbe questa scelta con l’equivalente di 2.200 sterline all’anno (2.800 euro circa). Una vera e propria tassa, come ha detto il Segretario Generale dell’Ocse Angel Gurria:</p> <p>“Proprio come una nuova tassa, la cosiddetta Brexit andrà a colpire il benessere e le tasche dei cittadini britannici. Ma a differenza di ogni altro tipo di imposta questa non andrà affatto a finanziare i servizi pubblici o a colmare il deficit. La Brexit sarà una tassa puramente a perdere”.</p> <p>In caso di Brexit inoltre l’onda d’urto si farebbe sentire attraverso un’incertezza economica, finanziaria e commerciale sul medio-lungo termine.</p> <p>“Le nostre conclusioni sono inequivocabili” ha spiegato Gurria. “Il Regno Unito è molto più forte in seno all’Europa e l’Europa è molto più forte con il Regno Unito come Paese guida. Non c‘è nessun vantaggio in una possibile Brexit”.</p> <p>Uno dei punti più critici secondo lo studio presentato dall’Ocse sarebbe ovviamente la perdita dell’accesso al mercato unico e ad una serie di accordi di libero scambio.</p> <p>Le conseguenze verrebbero pagate dal Paese con un calo del Pil fino a 3,3 punti percentuali all’orizzonte 2020 e oltre i 5 punti entro il 2030. I sostenitori della Brexit hanno immediatamente bollato come poco realistica l’analisi dell’Ocse.</p> <blockquote class="twitter-tweet" data-lang="it"><p lang="en" dir="ltr">The “<a href="https://twitter.com/hashtag/Brexit?src=hash">#Brexit</a> tax” would be a pure deadweight loss, a one-off levy Britons would be paying for many years <a href="https://t.co/a6YONb8dka">https://t.co/a6YONb8dka</a></p>— Angel Gurría (@A_Gurria) <a href="https://twitter.com/A_Gurria/status/725272688227418112">27 aprile 2016</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script>