This content is not available in your region

Nagorno Karabakh: Mosca impegnata nella mediazione

Access to the comments Commenti
Di Eri Garuti
Nagorno Karabakh: Mosca impegnata nella mediazione

<p>Diplomazia al lavoro per consolidare il cessate il fuoco nel Nagorno Karabakh.<br /> Russia, Turchia e Iran partecipano ai colloqui sulla crisi che è tornata a contrapporre Armenia e Azerbaijan.</p> <p>Il premier di Mosca Dmitri Medvedev ha incontrato a Erevan il suo omologo armeno Hovik Abrahamyan.</p> <p>“Questa situazione sta sollevando senza dubbio grande preoccupazione” ammette Medvedev. “Speriamo che il cessate il fuoco tenga. E speriamo che il processo politico, col contributo di molti, riprenda. Sono i diplomatici e non i militari che dovrebbero occuparsi di sistemare la questione.”</p> <p>Nel frattempo il ministro degli esteri russo Lavrov ha avuto incontri con autorità di Teheran e Baku.</p> <p>Il capo della diplomazia dell’Azerbaijan, Elmar Mamedyarov, non si mostra ottimista.<br /> “Lo status quo – dice – è non solo insostenibile, è inaccettabile. E presto sarà riproposta l’idea ingenua, che qualcuno ha sempre avuto, che si possa continuare così per sempre o per un lungo periodo, ma ci saranno ancora più scontri.”</p> <p>Le diverse visioni sul futuro della regione separatista dell’Azerbaijan restano distanti.<br /> Anche se il <a href="http://it.euronews.com/2016/04/05/nagorno-karabakh-stop-alle-ostilita-raggiunto-l-accordo-per-il-cessate-il-fuoco/">cessate il fuoco</a> sarà rispettato, questa rimarrà solo la prima di una serie di questioni da risolvere.</p>