ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rilevate le onde gravitazionali, 100 anni dopo la teoria di Einstein

Rilevate le onde gravitazionali previste esattamente un secolo fa da Albert Einstein. In tanti già parlano della scoperta del secolo, senza dubbio

Lettura in corso:

Rilevate le onde gravitazionali, 100 anni dopo la teoria di Einstein

Dimensioni di testo Aa Aa

Rilevate le onde gravitazionali previste esattamente un secolo fa da Albert Einstein. In tanti già parlano della scoperta del secolo, senza dubbio l’11 febbraio 2016 segna una pagina storica per la fisica e la scienza. A individuare le onde gravitazionali è stato negli Stati Uniti lo strumento Ligo, acronimo di “Osservatorio interferometro laser delle onde gravitazionali”. Gli scienziati di LIGO lavorano in collaborazione con l’equipe franco-italiana di VIRGO, a Cascina, città nella provincia di Pisa. L’annuncio è stato dato in contemporanea negli Stati Uniti e in Italia.

“Quello che è incredibile è quello che verrà dopo. Quattrocento anni fa Galileo osservava il cielo con il telescopio e ha inaugurato la moderna astronomia osservativa. Credo che noi stiamo facendo qualcosa di altrettanto importante oggi qui. Stiamo aprendo una finestra sull’universo, sull’astronomia gravitazionale”, ha spiegato David Reitze, direttore esecutivo di Ligo.

How gravitational waves propagate?

How gravitational waves propagate? A century after Albert Einstein proposed their existence, there are ripples of excitement in the scientific community about possible confirmation of existence of gravitational waves, a discovery that could open a new window on the universe.

Posted by euronews on Thursday, 11 February 2016

Un nuovo successo anche per la fisica italiana. Previste da Einstein, le onde gravitazionali sono le increspature dello spazio-tempo generate da eventi cosmici violenti, come le onde prodotte quando si lancia un sasso in uno stagno. La scoperta della loro esistenza apre nuove prospettive al mondo della fisica e della ricerca cosmologica. Ora oltre che “vederlo”, sarà possibile anche “sentire” l’universo nella sua essenza di spazio-tempo, due elementi che, secondo Einstein, sono la stessa cosa.