ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Allarme della Croazia sui rifugiati: "Arrivi record, siamo al collasso"

Prosegue il braccio di ferro con la Serbia sui mezzi pesanti. Belgrado: "Riaprite al transito o da mezzanotte scatteranno le rappresaglie"

Lettura in corso:

Allarme della Croazia sui rifugiati: "Arrivi record, siamo al collasso"

Dimensioni di testo Aa Aa

9.000 arrivi nella sola giornata di ieri, quasi cinque volte tanto in una settimana. Numeri snocciolati dal Ministro degli interni croato e immagini dal confine con la Serbia ribadiscono alla politica oggi riunita a Bruxelles, l’urgenza di un intervento coordinato per risolvere la crisi dei rifugiati.

Zagabria parla di cifre record e denuncia: aperto appena qualche giorno fa, il centro di registrazione di Opatovac è già quasi al collasso.

Alla vicina Serbia, che da giorni reindirizza verso il suo territorio il flusso dei migranti, le autorità hanno risposto chiudendo gran parte dei posti di frontiera.

A farne le spese è da lunedì anche il traffico dei mezzi pesanti sulla Belgrado-Zagabria, il principale asse autostradale fra i due paesi. Da ieri la Croazia ha aperto a quelli che trasportano beni deperibili, ma sugli altri il braccio di ferro prosegue. A mezzanotte scade l’ultimatum della Serbia: “O riaprite del tutto – dicono – o passeremo alle rappresaglie”.