ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lesbo, il drammatico itinerario dei migranti

Sulle spiagge dell’isola greca di Lesbo è un continuo arrivare di imbarcazioni di fortuna cariche di migranti. L’inviato di euronews ne ha viste otto

Lettura in corso:

Lesbo, il drammatico itinerario dei migranti

Dimensioni di testo Aa Aa

Sulle spiagge dell’isola greca di Lesbo è un continuo arrivare di imbarcazioni di fortuna cariche di migranti. L’inviato di euronews ne ha viste otto nell’arco di quattro ore. Sono siriani, afghani, pachistani e iracheni, partiti dalla vicina costa turca. Ad accoglierili, volontari di organizzazioni non governative.

Point of view

Abbiamo camminato quattro ore. Abbiamo dormito all'aperto. Vogliamo andare altrove, in qualche bel posto. E per questo abbiamo bisogno di aiuto

“Niente lavoro, solo guerra – dice un giovane -. Abbiamo bisogno di vivere. E non c‘è vita per noi in Siria”.

“Ognuno di questi migranti appena arrivati sull’isola – dice l’inviato di euronews Apostolos Staikos – ha pagato 2500 euro per il passaggio da Ayvalik e Canakkale verso Lesbo. Un viaggio di due ore e mezzo. Volontari gli offrono acqua e cibo”.

L’arrivo in Europa, ma il viaggio prosegue

Lasciati i salvagente sulla spiaggia, i migranti intraprendono il cammino. Attraversano l’isola per arrivare al porto di Mitilene, principale centro abitato. Sorpresi dalla notte, molti dormono per strada, all’addiaccio, senza assistenza, senza mangiare né bere.

“Abbiamo camminato quattro ore – dice una rifugiata siriana -. Abbiamo dormito all’aperto. Ora siamo qui, con persone buone che cercano di aiutarci. Vogliamo andare altrove, in qualche bel posto. E per questo abbiamo bisogno di aiuto”.

A Mitilene ci sono due campi profughi, uno riservato ai siriani che in quanto rifugiati di guerra ricevono un trattamento diverso. Tutti i migranti debbono essere registrati e ottenere un permesso per spostarsi all’interno della Grecia.

L’organizzazione non basta per garantire a tutti cibo a sufficienza. A Lesbo ci sono attualmente 10 mila migranti e ne stanno arrivando altri al ritmo di mille al giorno.

“Continuano a dirci che vogliono partire per andare in Germania o in Svezia – dice Elli Vlassi, volontaria della Croce Rossa -. O altrove in Europa. Ma non vogliono restare in Grecia e in particolare su quest’isola”.

C‘è anche chi si è accampato sulle banchine del porto, nella speranza di essere tra i primi ad imbarcarsi. La nave traghetto “Elefterios Venizelos” fa la spola tra le isole e la terraferma. I migranti possono così continuare il loro lungo viaggio della speranza.

Oim, a Lesbos arrivate 10.000 persone in sei giorni

Sono circa 10.000 i migranti arrivati negli ultimi sei giorni sull’isola greca di Lesbos, nel mar Egeo, riferisce l’Organizzazione internazionale per le migrazioni.

Allarme Unhcr, su 3 isole greche è caos totale

L’Unhcr lancia l’allarme sulla situazione rifugiati in tre isole greche situate vicino alla Turchia e parla di ‘caos totale’. Alloggi, accesso all’acqua e servizi sanitari sono del tutto inadeguati a Kos, Chios e Lesbos. Sulla maggior parte delle isole non vi è possibilità di alloggiare queste persone.

Sbarchi in Grecia:


2014
43 500


Luglio 2015
50 242


Gennaio-Agosto 2015
160 000

Numero di migranti che hanno attraversato il Mediterraneo nel 2015 in:


Totale
264.500


Grecia
160.000


Italia
104.000


Spagna
1.950


Malta
100