ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Treno Amsterdam-Parigi: l'identità dell'aggressore al vaglio dell'inchiesta

L’antiterrorismo francese è impegnato a ricostruire il profilo del presunto islamista che ieri sera avrebbe potuto compiere un strage sul treno

Lettura in corso:

Treno Amsterdam-Parigi: l'identità dell'aggressore al vaglio dell'inchiesta

Dimensioni di testo Aa Aa

L’antiterrorismo francese è impegnato a ricostruire il profilo del presunto islamista che ieri sera avrebbe potuto compiere un strage sul treno Amsterdam-Parigi. In Francia vengono celebrati come eroi i passeggeri , fra i quali due soldati statunitensi, che hanno disarmato l’uomo salito con un kalashnikov, nove caricatori, una pistola e un taglierino.

Il racconto di Alek Skarlatos, militare della guardia nazionale dell’Oregon, di recente rientrato da una missione in Afghanistan: “Ho visto un tizio entrare nel treno con un AK47 e con un pistola, ho guardato Spencer e gli ho detto: “andiamo, andiamo”. Lui si è alzato per primo e io l’ho seguito tre secondi dopo. Spencer ha afferrato il tizio per primo, al collo, io gli ho strappato la pistola e l’ha gettata via. Poi ho preso il kalashnikov che era ai suoi piedi”.

L’uomo sarebbe un marocchino di 26 anni e avrebbe negato il movente terroristico, senza convincere. Secondo il ministro dell’Interno francese Bernard Cazeneuve, ha vissuto in Spagna e poi in Belgio ed era schedato nella categoria S, che non implica la sorveglianza obbligatoria.

In Francia i nomi di circa 5000 persone appaiono nello schedario S, che sta per “sicurezza dello Stato”. Quando uno si loro viene fermato dalla polizia, gli agenti devono contattare i servizi di intelligence.

Secondo l’antiterrorismo spagnolo, il presunto islamista si era recato in Siria.

“Se l’identità che quest’uomo dichiara viene confermata – ha spiegato Cazeneuve – corrisponderebbe a un individuo di ventisei anni di nazionalità marocchina, segnalato dalle autorità spagnole ai servizi francesi nel febbraio del 2014 per la sua appartenenza all’islamismo radicale”.

Il soldato Spencer Stone è stato operato con successo alla mano e non ha potuto ricevere la medaglia che il comune di Arras – dove è stato dirottato il treno – ha attribuito agli altri due statunitensi e al loro amico britannico. Un passeggero franco-statunitense colpito al torace è ricoverato a Lille.