ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia, Atene accoglie con un misto di delusione e sollievo l'accordo di Bruxelles

Jean Claude Juncker ha un bel dire che non ci sono vincitori né vinti, molti greci non la pensano come lui. Diffusa è la sensazione di uscirne

Lettura in corso:

Grecia, Atene accoglie con un misto di delusione e sollievo l'accordo di Bruxelles

Dimensioni di testo Aa Aa

Jean Claude Juncker ha un bel dire che non ci sono vincitori né vinti, molti greci non la pensano come lui. Diffusa è la sensazione di uscirne sconfitti, di aver subito l’ennesima umiliazione.

L’unica consolazione è che il Paese resterà nell’euro. Ma ancora non è chiaro quale sarà il prezzo da pagare.

La corrispondente di Euronews da Atene, Nikoletta Kritikou, ha raccolto i commenti di alcuni residenti:

“Ancora una volta, la terza nella storia moderna, la Germania ha dimostrato che, quando si sente potente, vuole trarne vantaggio, causando profonde ferite in Europa. Sarà molto difficile accorciare la distanza che ci separa dal Nord Europa e dalla Germania”.

“Navigavamo in acque inesplorate. Per questo abbiamo accettato così tanti compromessi. Non sapendo cosa avremmo trovato fuori dall’eurozona, abbiamo preferito stringere un accordo. Ma non possiamo accettare qualunque cosa. Sono ansiosa di conoscere i dettagli di questa intesa”.

“Il comportamento della Germania non mi ha sorpreso. Quello è un Paese molto severo, che segue le regole. La priorità dei tedeschi è proteggere sé stessi: per questo hanno un’economia forte”.

Nikoletta Kritikou, euronews: “I greci hanno seguito con ansia i negoziati di Bruxelles. Molti di loro pensano che li attendano tempi durissimi, tanto più che il governo è tenuto a ottenere l’approvazione del Parlamento per le riforme richieste dall’eurozona entro mercoledì”.