ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

San Pietroburgo festeggia: è nato il nuovo teatro Mariinsky

Lettura in corso:

San Pietroburgo festeggia: è nato il nuovo teatro Mariinsky

Dimensioni di testo Aa Aa

La crème de la crème della lirica e del balletto russi ha offerto il meglio di sé alla grande festa-spettacolo che ha inaugurato il teatro Mariinsky II di San Pietroburgo. Lo spazio, che sarà la chiave di volta di un ambizioso complesso culturale tra i maggiori al mondo, è stato fortemente voluto dal suo numero uno, il carismatico direttore d’orchestra Valery Gergiev.

“Oggi possiamo affermare di avere un teatro dell’opera fantastico, afferma senza esitazione. Per i nostri giovani artisti sarà l’occasione di brillare non fra due-tre anni, ma fra tre, quattro mesi potranno esibirsi in palcoscenico; per le giovani ballerine, per esempio, ci saranno molte più recite, il che significa che gli artisti affermati avranno occasione di esibirsi e soprattutto che le giovani leve, le stelle nascenti, potranno mettersi alla prova; lo stesso valga per i cantanti.”

A progettare il nuovo teatro Mariinsky, costruito di fronte allo storico fratello maggiore, un prestigioso studio d’architettura canadese; alla testa dell‘équipe il dinamico Jack Diamond.

“Questa città, dice entusiasta, ha un enorme centro storico dotato di una coerenza architettonica eccezionale; c‘è un incredibile contrasto fra le strade in stile neoclassico e le varie chiese e cattedrali, così esotiche. Lungi da me l’idea di spezzare la meravigliosa coerenza urbanistica di San Pietroburgo, anzi; noi abbiamo puntato a creare la nostra “chiesa”: l’auditorio. Si tratta di un edificio serio ma anche giocoso; si è cercato di creare l’atmosfera delle grandi occasioni nei vari foyer; le stesse scale, che sono un po’ folli, sono il palcoscenico del pubblico, è lui a esibirsi all’intervallo. L’architettura della sala è invece completamente diversa: qui il palcoscenico è l’elemento fondamentale, ma ho voluto che il pubblico in sala si sentisse a suo agio come fosse nel salotto di casa.”

Ospite fisso della tre giorni d’inaugurazione l’intramontabile e infaticabile Placido Domingo. “Abbiamo avuto eventi per tre giorni, un po’ dappertutto, racconta alla fine dello spettacolo, il Nabucco di Verdi. Ho avuto la fortuna di essere invitato al gala di inaugurazione del Mariinsky II, ho diretto al Mariinsky III e oggi ho cantato nel Mariinsky tradizionale. Per me è stato un grande onore perché pochissimi artisti stranieri sono stati invitati. La verità è che sto per andarmene ma già non vedo l’ora di tornare!”

“Questa struttura, ricorda Jack Diamond, è stata finanziata dal governo centrale russo: trovare un paese che comprende l’importanza del proprio passato culturale è stato per me di grande stimolo. Ricordiamoci che non siamo animali, e che quello che ci distingue più di qualunque altra cosa è l’arte, è attraverso l’arte che lo spirito umano si eleva al suo massimo, e questo l’hanno ben compreso in Russia.”