EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Il Papa, 'sono molto rispettoso della Cina'

Dopo Mongolia, 'per me fare un viaggio non è facile come prima'
Dopo Mongolia, 'per me fare un viaggio non è facile come prima'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - AEREO PAPALE, 04 SET - "I rapporti con la Cina sono molto rispettosi, personalmente ho una grande ammirazione". Lo ha detto papa Francesco rispondendo ai giornalisti durante la conferenza stampa nel volo di ritorno dalla Mongolia. "Per la nomina dei vescovi c'è una commissione che lavora, cinese e col Vaticano, da tempo c'è dialogo. E poi ci sono tanti preti cattolici o intellettuali cattolici che sono invitati da Università cinesi per insegnare lì". "Credo che dobbiamo andare più avanti - ha proseguito il Pontefice - sul senso religioso, per capirci di più. E i cattolici cinesi non pensino che la Chiesa dipende da una potenza straniera. È una strada amichevole . Sta facendo bene la commissione presieduta dal card. Parolin, fanno un buon lavoro, anche da parte cinese. I rapporti sono così, in cammino". Il Papa ha chiarito la sua frase sulla 'Grande Russia' che ha creato malumore in Ucraina ("parlavo in senso culturale") e ha parlato di Sinodo, ambiente e giustizia sociale nelle periferie. "Vi dico la verità - ha concluso - per me fare un viaggio adesso non è tanto facile come all'inizio. Ci sono limitazioni, nel camminare, vediamo", ha risposto a chi gli chiedeva dei prossimi impegni. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti: Joe Biden si ritira dalla corsa presidenziale, appoggio a Kamala Harris

Bangladesh: studenti non fermano la protesta, il governo estende il coprifuoco

Trump tesse le lodi di Putin, Xi e Orbán, sull'attentato: "Ho preso un proiettile per la democrazia"