EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Temporali e forti grandinate, danni in Fvg

Auto distrutte, vetri in frantumi e alberi caduti
Auto distrutte, vetri in frantumi e alberi caduti
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TRIESTE, 24 LUG - Chicchi di grandine grandi come palline da tennis e vento forte hanno imperversato dalla tarda serata di oggi sulle province di Pordenone, Udine e Gorizia provocando danni. Le zone più colpite sono quelle di Sacile, dove si segnala la caduta di alberi, e Fontanafredda dove il vento ha scoperchiato alcune abitazioni. Ma danni vengono segnalati anche nella Destra Tagliamento, nell'hinterland Udinese, dove alcune auto sono state distrutte dalla grandine, e nel capoluogo Isontino, con piante schiantate al suolo, anche in centro. La grandine ha anche distrutto molte finestre e causato danni alle reti elettriche: in molti piccoli comuni si sono verificati blackout elettrici. La tempesta è stata caratterizzata da un alto numero di fulmini. Sono decine le richieste di intervento pervenute ai Vigili del fuoco dei tre comandi provinciali e dei numerosi distaccamenti territoriali. Per il momento non si registrano feriti ma la viabilità è fortemente ostacolata e dai municipi si invita alla prudenza e ad uscire di casa solo se indispensabile. In particolare si segnala la formazione di enormi pozzanghere d'acqua in prossimità soprattutto dei sottopassi che creano forti problemi al transito dei veicoli. Il fortunale si è rapidamente spostato verso la Slovenia ma non si esclude che possa effettuare un secondo passaggio sulle già colpite aree del Fvg. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 19 luglio - Serale

Corte Aja: l'occupazione israeliana nei territori palestinesi è illegale

Siccità e desertificazione: la Sicilia deve fare i conti con il cambiamento climatico