ULTIM'ORA
euronews_icons_loading
Dalla Grecia alla Francia riaprono le spiagge

La Grecia ha riaperto gli stabilimenti balneari in un fine settimana che dal punto di vista meteorologico rappresenta un debutto per l'estate, ma non per la stagione turistica, messa a rischio dalla pandemia. Tra rigide misure di sicurezza sanitaria, almeno 500 spiagge hanno visto tornare le sdraio e gli ombrelloni.

"Sarà un'estate molto diversa. Dobbiamo adattarci ad un nuovo quotidiano, a nuove regole che dovremo seguire finché sarà necessarie. Sia noi che i nostri clienti. Speriamo in uno sforzo collettivo per ottenere il miglior risultato", dice un barman.

Gli stabilimenti che hanno scelto di aprire hanno dovuto attuare le prescrizioni obbligatorie, a partire dal rispetto delle distanze, ma questo non ha scoraggiato nessuno.

Primi bagni anche per molti francesi, che in molte località della costa mediterranea ricominciano a popolare spiagge e villaggi. Anche qui le attività sono strettamente regolamentate, ma secondo gli operatori turistici, c`è spazio comunque per divertirsi.

Cécile, bagnino, a Hyères: "Vietiamo solo raduni con alcool o con più di dieci persone. A parte questo, chiunque venga a prendere il sole è pienamente autorizzato a farlo." Da Nizza a Cannes, sono proibite anche le attività statiche, ma permesse quelle sportive e individuali.