Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Cronache dallo Spazio:i "polmoni della terra" visti dall'alto

Cronache dallo Spazio:i "polmoni della terra" visti dall'alto
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Nel settimo episodio delle nostre "Cronache dallo Spazio" (titolo originale: "Space Chronicles"), l'astronauta italiano (ed europeo) Luca Parmitano, corrispondente "spaziale" di Euronews direttamente dal laboratorio Columbus in orbita sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), ci presenta alcuni dei progetti dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA).

Parmitano sta svolgendo benissimo il suo ruolo di corrispondente dallo spazio per Euronews durante la sua missione che durerà oltre sei mesi, chiamata "Beyond". L'avventura è cominciata dal cosmodromo di Bajkonur, in Kazakistan, il 20 luglio 2019, data del 50esimo anniversario dallo sbarco sulla Luna dell'Apollo 11.

ISS DOCUMENTA GLI INCENDI IN AMAZZONIA

"Abbiamo sorvolato la foresta amazzonica, la Colombia e il Mozambico in Africa, documentando centinaia di incendi nelle foreste. Le persone appiccano questi roghi per poter avere spazio, in modo da poter creare aree di raccolta, senza rendersi conto che invece stiamo distruggendo la nostra unica possibilità di sopravvivenza: polmoni della Terra. Dobbiamo prenderci maggior cura come esseri umani, invece di tralasciare questa risorsa naturale."

URAGANI E CAMBIAMENTI CLIMATICI: ANCHE COLPA DELL'UOMO

"Nelle ultime due settimane siamo stati molto impegnati a documentare, con foto, l'uragano Dorian: questa incredibile, maestosa tempesta, vista dallo spazio, ha colpito le Bahamas. Siamo stati in grado di fotografare come si stava formando, sviluppando. Dopo che ha interessato la Terra abbiamo documentato la devastazione che aveva lasciato alle spalle.

Se non riteniamo che tutti questi fenomeni siano collegate ad attività che gli esseri umani stanno facendo, dobbiamo sentirci in colpa, perché stiamo creando noi molto di quello che sta accadendo. Stiamo alimentando noi parte della violenza di questi fenomeni."

In collaborazione con l'Agenzia Spaziale Europea.