Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Panama, Papa Francesco: "La paura ci rende pazzi"

Panama, Papa Francesco: "La paura ci rende pazzi"
Dimensioni di testo Aa Aa

Accolto da 2000 giovani festanti e dal Presidente del Paese, Varela, Papa Francesco è giunto a Panama per la XXXIV Giornata Mondiale della Gioventù, che si terrà sino al 27 gennaio.

Si tratta del suo primo viaggio nel Paese centroamericano, il primo effettuato da un Pontefice a far data dal 1983, anno in cui Giovanni Paolo II vi sostò per una giornata.

Nei quattro giorni di permanenza, la questione dell'immigrazione dovrebbe essere un tema centrale: sul volo che lo ha portato a Panama, Francesco ha difatti commentato con i giornalisti il fatto che l'ostilità verso i migranti sia guidata da una paura irrazionale, velata critica al Presidente statunitense Trump.

Qualche apprensione si è registrata durante lo spostamento verso la nunziatura apostolica, quando un uomo con una bandiera venezuelana si è lanciato fuori dalla folla.

Nei prossimi giorni, il Papa terrà dieci interventi, tra omelie, discorsi e un Angelus, tutto in lingua spagnola.

La Giornata Mondiale della Gioventù, soprannominata la "Woodstock cattolica", prevede circa 150.000 ragazzi registrati, oltre alla presenza di svariate centinaia di migliaia di persone alla Messa finale, in programma domenica.

E 'iniziato questa mattina il viaggio apostolico internazionale di Papa Francesco, in occasione della Giornata Mondiale...

Publiée par Papa Francesco I - Jorge Mario Bergoglio sur Mercredi 23 janvier 2019

La sua valigetta leggera è in realtà pesante di dossier e problemi che non risalgono solo alla crisi generalizzata e non solo sociale del pianeta.

Panama dal 23 al 28 gennaio

Il viaggio del 23-28 gennaio per Francesco è il primo in un'area coinvolta in una delle crisi migratorie più acute in cui migliaia di persone tentano di farsi strada verso gli Stati Uniti per cercare asilo o lavoro.

Per questo fra i tanti giovani che saranno all'appuntamento sono rappresentati tutti i Paesi sudamericani (ma non solo) che rigurgitano di problemi sociali irrisolti.

Il benvenuto dell'arcivescovo Domingo Ulloa

Alla messa d'inaugurazione delle Giornate della gioventù l'arcivescovo di Panama, José Domingo Ulloa, ha ringraziato l'attenzione di Francesco, lo ha ringraziato per la sua fiducia e la possibilità di organizzare una Giornata della Gioventù in una delle periferie "esitenziali e geografiche" del pianeta.

L'affetto dei giovani

L'entusiasmo è grande fra i giovani partecipanti a questo appuntamento tanto atteso e così cruciale in un continente che, come l'area del Mediterraneo, assiste in diretta ad uno scontro politico sulla scorta dei flussi migratori che dal sud del mondo tentano disperatamente di entrare nei Paesi dove poter trovare occasioni di sopravvivenza.

Proprio dalla metà di ottobre, migliaia di centroamericani, in gran parte dell'Honduras, hanno viaggiato verso nord attraverso il Messico in una grande carovana per raggiungere gli Stati Uniti.

Dall'altra parte della frontiera, il Presidente Trump sta facendo di tutto per sigillare con un muro le frontiere del paese e fermare i migranti.