This content is not available in your region

Trekking a 3mila metri, tra le cime selvagge dell'Azerbaigian

Trekking a 3mila metri, tra le cime selvagge dell'Azerbaigian
Diritti d'autore  euronews   -  
Di Monica Pinna

Khinalig, in Azerbaigian, si trova a più di 2.300 metri d'altitudine. Èun villaggio sperduto tra le montagne del Grande Caucaso, circondato da alcune delle cime più alte dell'Azerbaigian, che svettano oltre i 4.000 metri. Falesie di calcare e granito hanno isolato questo villaggio per secoli. Ancora oggi è difficile da raggiungere.

Euronews
Le rupi di calcare e granito hanno isolato il villaggio di Khinalig per secoliEuronews

Gli abitanti del luogo, come la nostra guida Rahman, sono soliti ospitare i visitatori e mostrar loro i dintorni. "Il villaggio di Khinalig risale a 5.000 anni fa - dice Rahman -. Oggi qui vivono circa 2.100 persone. Fin dall'antichità, gli abitanti del villaggio si sono occupati principalmente di agricoltura e dell'allevamento di pecore".

L'isolamento di Khinalig ha preservato uno stile di vita tradizionale. Le cerimonie si svolgono secondo riti tramandati di generazione in generazione. Tra le particolarità di Khinalig ci sono le sue antiche case in pietra disposte a terrazze. L'architettura qui è impressionante. In pratica, le case sono costruite una sopra l'altra. Rahamn ci spiega perché.

"Khinalig è stato eretto su un picco - dice Rahman -. Le case sono costruite in modo da essere la continuazione una dell'altra: il tetto di una casa è il balcone di quella sopra. Per questo motivo Khinalig sembra una fortezza".

Rahman mi porta a visitare una delle case più antiche del villaggio. Durante il tragitto, Khinalig offre scorci talmente impressionanti che è impossibile non fermarsi a guardare. Una volta arrivati, ci accoglie l'ottantenne Mushtakh. Condivide la casa con il figlio e la sua famiglia. "Ricordo questa casa da quando sono nato - dice Mushtakh -. Tutti i miei antenati hanno vissuto qui. Credo che abbia 500 anni".

Euronews
La cascata di Griz si trova in cima al monte Ag DaghEuronews

Nelle case tradizionali di Khinalig, pavimenti e pareti sono ricoperti di tappeti. Ogni famiglia ha i propri simboli. In passato, le ragazze imparavano a lavorare tappeti fin da bambine: oggetti di valore per la loro dote. "Mia sorella era una tessitrice - dice Khinalig -. Le ha insegnato mia madre. In questa stanza dormiamo e riposiamo".

Lasciamo Khinalig per iniziare la salita lungo il sentiero di Griz. La cascata di Griz si trova in cima al monte Ag Dagh, tappa finale del nostro trekking, una delle gemme nascoste della regione.Raggiungiamo la nostra meta dopo una camminata di due ore in una delle zone più remote e mozzafiato dell'Azerbaigian. "Siamo saliti fino a 3.000 metri e ora siamo riscesi a 2.000 - dice Rahman -. A Griz vivono solo 200 persone. Hanno loro lingua e la storia del villaggio risale a 4.000 anni fa".