Vertice Ue-Ua: la Repubblica Democratica del Congo riceverà 600mila euro per lo sviluppo digitale

Di Euronews
Vertice Ue-Ua: la Repubblica Democratica del Congo riceverà 600mila euro per lo sviluppo digitale
Diritti d'autore  euronews

A Bruxelles il ministro delle finanze della Repubblica Democratica del Congo ha firmato un accordo con una società di consulenza e con l'Agenzia di sviluppo francese (Afd). In base all'accordo 600.000 euro saranno destinati all'elaborazione di un piano nazionale per lo sviluppo delle infrastrutture digitali.

"Si tratta di definire una politica, di definire un quadro in cui gli investimenti pubblici, come quelli dell'agenzia di sviluppo francese o di altri attori, gli investitori privati soprattutto, possano essere impiegati per generare lo sviluppo che ci attendiamo", ha detto Rémy Rioux, direttore generale di Afd.

Secondo il governo congolese la transizione digitale andrà a beneficio di diversi settori, compresa l'agricoltura, che è vitale per l'economia del paese. "La prima cosa da fare è rimettere l'agricoltura al suo posto - ha detto Nicolas Kazadi, ministro delle finanze della Repubblica Democratica del Congo -. È in una fase di flessione perché siamo un paese minerario. L'ambizione del governo è di invertire la situazione, di fare in modo che l'agricoltura e l'agroindustria riprendano il loro posto. Per fare questo abbiamo bisogno di agricoltori, grandi e piccoli, che usino metodi e mezzi moderni per aumentare la loro produttività".

La creazione di sistemi agroalimentari sostenibili è tra i temi nell'agenda dei leader europei e africani riuniti a Bruxelles. Fame e malnutrizione rimangono dilaganti in molte parti del mondo. Lo sviluppo di nuovi metodi di agricoltura richiederà cambiamenti significativi.

"C'è una serie di pratiche innovative che potrebbero essere rese molto più visibili e accessibili - dice Paul Walton, direttore esecutivo della Fondazione Africa-Europa -. Sappiamo che in alcune zone in Africa e in Europa sono stati creati sistemi agroalimentari sostenibili, in cui è diffusa l'agricoltura rigenerativa, ma sono meno visibili e meno accessibili al tipo di finanziamento e supporto che è necessario".

Il tempo stringe. Gli effetti del cambiamento climatico si stanno facendo sentire in tutto il continente africano, mettendo ulteriormente in pericolo la sovranità alimentare e la vita di milioni di persone.