Europarlamento: chi ha votato "no" alla condanna dell'aggressione russa

Access to the comments Commenti
Di Orlando Crowcroft  & Alberto de Filippis
Images
Images   -   Diritti d'autore  wikicommons

Martedì, da uno schermo televisivo sopra la plenaria del Parlamento europeo, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha lanciato un appassionato appello affinché l'Europa dimostri di sostenere il suo paese invaso.

In precedenza, i parlamentari avevano applaudito l'Ucraina e indossato bandiere blu e gialle. Fuori dal parlamento, gli ucraini ei loro sostenitori hanno mantenuto una rumorosa veglia.

Seduto a un tavolo con indosso una maglietta, il discorso di Zelensky è stato così commovente che persino il traduttore del parlamento è stato soffocato dalle lacrime. Dopo un dibattito, agli eurodeputati è stato quindi chiesto di votare una risoluzione che invitava la Russia a cessare le violenze e condannava la guerra iniziata da Vladimir Putin.

Una stragrande maggioranza - 637 eurodeputati - dall'estrema sinistra all'estrema destra, dalla Romania al Portogallo alla Finlandia, si è unita e ha votato sì.

Mick Wallace (irlandese, del gruppo di sinistra) ha votato no. "Gran parte della risoluzione è importante e necessaria", ha detto Wallace a Euronews.

“La risoluzione condanna correttamente l'aggressione russa e chiede sostegno umanitario per l'Ucraina e i rifugiati ucraini. Questi sono termini che sosteniamo con tutto il cuore”.

Ma gran parte di essa ha detto Wallace, non lo è. Ha chiesto il rafforzamento della presenza militare avanzata della NATO, un drammatico aumento della spesa per la difesa e il rafforzamento del pilastro europeo all'interno della NATO. Chiede la sostituzione del petrolio russo con quello americano, estratto attraverso il fracking.

“Abbiamo cercato di rimuovere questi elementi dalla risoluzione, ma la maggioranza al Parlamento europeo ha votato per mantenerli. Ora ci viene chiesto di votare il testo nel suo insieme, che contiene queste disposizioni. Siamo contrari alla guerra e siamo contrari a questa risoluzione”.

Wallace non è stato il solo a opporsi alla risoluzione martedì, anche altri sei membri del gruppo di sinistra del parlamento hanno votato no: Clare Daly, Özlem Demirel, Sandra Pereira, João Pimenta Lopes, Martin Schirdewan, Miguel Urban Crespo.

Ma allo stesso modo, non era una piattaforma di partito, l'eurodeputato francese Manon Aubry, e co-presidente della sinistra, è stato uno degli sponsor del disegno di legge.

Aubry ha dichiarato a Euronews che sei emendamenti al disegno di legge "hanno notevolmente migliorato il testo", inclusa l'aggiunta della richiesta di un cessate il fuoco immediato, un maggiore coinvolgimento delle Nazioni Unite e dell'OSCE e l'accoglienza dei rifugiati.

"Ho co-firmato il testo iniziale e votato il testo finale come co-presidente del gruppo perché volevo inviare un messaggio politico chiaro denunciando l'aggressione irresponsabile di Putin e sostenendo il popolo ucraino", ha detto.

"Altre delegazioni hanno deciso di astenersi o votare contro il testo perché volevano insistere sul rischio di una guerra globale nel continente se l'Ue entrasse nel circolo vizioso dell'escalation militare".

L'eurodeputata irlandese Daly ha affermato di aver votato contro la risoluzione perché chiede un aumento della fornitura di armi all'Ucraina, qualcosa che "non farà che peggiorare la situazione".

"L'unico modo in cui si può porre fine al conflitto è attraverso colloqui di pace e negoziati. Mettere più armi nella situazione mette semplicemente benzina sul fuoco", ha detto Daly a Euronews.

“È davvero deplorevole che la NATO, gli Stati Uniti e l'UE non sostengano l'idea di un accordo di pace mediato a livello internazionale. Questa è l'unica soluzione. Ironia della sorte, ora sono solo i cinesi a presentarlo, ma questo è l'unico modo".

L'eurodeputato tedesco Demirel ha anche detto a Euronews che la risoluzione avrebbe solo "versato petrolio sul fuoco" del conflitto e ha accusato la presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen di usare la situazione - compreso il discorso di Zelensky - come scusa per portare avanti un'agenda più ampia: trasformando l'UE "in un'unione militare tangibile e potente", ha affermato.

“Penso che sia cinico abusare della sofferenza degli ucraini per qualcosa del genere. I popoli in Ucraina, in Europa e nel mondo vogliono vivere in pace e sicurezza sociale”.

L'eurodeputato spagnolo Crespo ha affermato che mentre "condanna totalmente l'invasione dell'Ucraina da parte di Putin", la risoluzione non farebbe che aggravare la situazione. “Di fronte a due colossi che mettono sul tavolo sempre più armi, più missili e iniziano a minacciare con armi nucleari, l'unica via d'uscita è chiedere di andare fino in fondo per la pace. Altrimenti, porterà solo alla morte e alla distruzione", ha detto.

Schirdewan ha risposto tramite un portavoce con una dichiarazione della delegazione tedesca Die Linke, in cui ha affermato che, sebbene condannasse le invasioni della Russia come una "palese violazione del diritto internazionale", era contrario all'invio di armi in Ucraina.

"Una guerra imperialista"

Alcuni che erano contrari alla risoluzione, tuttavia, sono andati oltre.

In una dichiarazione, due dei membri non allineati del parlamento che hanno votato no, Kostas Papadakis e Lefteris Nikolaou-Alavanos hanno affermato che il Partito Comunista di Grecia (KKE) ha condannato "la guerra imperialista, che è il risultato della competizione imperialista per sfere di influenza e risorse produttrici di ricchezza.

"Si sta muovendo nella pericolosa direzione di un'escalation della concorrenza imperialista con l'equipaggiamento militare e le sanzioni UE-NATO", hanno affermato.

Lopes e Pereira, che hanno risposto a Euronews tramite un portavoce, hanno ribadito questa opinione.

Nella loro dichiarazione, i membri del Partito Comunista Portoghese hanno accusato l'Unione Europea e la NATO di sostenere un colpo di stato in Ucraina nel 2014, hanno descritto l'invasione russa come un "intervento militare" e hanno fatto eco alla linea del Cremlino secondo cui l'Ucraina era controllata dalle forze fasciste. Ha accusato la NATO e l'UE - anche se, in particolare, non Mosca - di "guerrafondaia".

Wallace ha detto a Euronews che il voto sulla questione era stato travisato e, sebbene avesse votato contro la risoluzione, lui e il collega irlandese Daly hanno costantemente condannato la guerra, ovunque fosse.

"Continueremo a opporci sia all'aggressione russa che alla militarizzazione dell'Europa, che non sono nell'interesse di ucraini, russi, europei o chiunque altro", ha affermato.