This content is not available in your region

Israele: nessuna indagine penale per la giornalista uccisa

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Image
Image   -   Diritti d'autore  AFP/AHMAD GHARABLI   -  

Israele non aprirà un'indagine penale sulla morte della giornalista americano-palestinese Shireen Abu Akleh lo scorso 11 maggio. Dopo aver concluso una prima indagine, l'esercito israeliano ha ammesso che è stato "probabilmente" uno dei suoi soldati a spararle "per errore" mentre la giornalista stava seguendo un raid di Tsahal nel campo profughi di Jenin. Tuttavia, l'esercito israeliano ritiene che le sue truppe abbiano agito correttamente mentre erano sotto il fuoco dai miliziani palestinesi.

La morte di Shireen, giornalista palestinese-americana molto apprezzata in Medio Oriente, ha suscitato un'esplosione di rabbia ed ha aggravato il divampare della violenza tra israeliani e palestinesi. L'Autorità nazionale palestinese ha condotto la propria indagine e ha concluso che i soldati israeliani hanno sparato deliberatamente alla giornalista. I testimoni hanno affermato che non c'erano spari o gruppi armati nell'area. Secondo i media israeliani, il rapporto dell'esercito israeliano è venuto alla luce solo dopo le pressioni degli Stati Uniti.