Madrid, fervono preparativi e iniziative per il vertice Nato

Access to the comments Commenti
Di Euronews
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Olivier Matthys/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved   -  

Tutto è pronto a Madrid per il vertice Nato del 29 e 30 giugno: i 30 leader che fanno parte dell'Alleanza Atlantica, i loro partner e altri ospiti si ritroveranno nella capitale spagnola per un incontro che si preannuncia storico.

Una delle figure di spicco già arrivata nel Paese è la first lady statunitense, Jill Biden, che terrà diverse attività con la regina Letizia nel corso della settimana.

Allo stesso modo, il re e la regina di Spagna offriranno ai leader della Nato una cena a Palazzo Reale, come parte del benvenuto.

La Spagna non lesinerà sul suo ruolo di Paese ospitante: al vertice sono attesi circa 5.000 partecipanti, 2.000 giornalisti accreditati ed altrettanti delegati.

L'operazione di sicurezza consentirà il più grande dispiegamento di sorveglianza sino ad oggi, con più di 10.000 agenti, aerei militari ed elicotteri che sorvoleranno Madrid ogni giorno e a tutte le ore.

Manu Fernandez/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
AP PhotoManu Fernandez/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

Ma non si tratta solo di una dimostrazione di capacità logistica: il vertice, infatti, si svolge in condizioni di massima allerta militare a causa della guerra in Ucraina.

Fonti del governo spagnolo hanno confermato che il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, parteciperà in virtuale, in una dimostrazione di coordinamento con gli alleati,

L'ordine del giorno sarà polarizzato dalla minaccia rappresentata da Vladimir Putin, ma si discuterà anche dell'adesione di Finlandia e Svezia, nonché dell'estensione e del rafforzamento delle truppe dell'Alleanza sul suolo europeo.

Tuttavia, non tutti condividono l'entusiasmo per l'incontro: domenica scorsa, più di 2.000 persone, secondo i dati forniti dal governo, hanno manifestato contro lo svolgimento del vertice, definendo la Nato un ostacolo alla smilitarizzazione e una minaccia alla pace mondiale.