This content is not available in your region

L'Olocausto taciuto nella Giornata della Memoria

Access to the comments Commenti
Di Stefania De Michele
L'Olocausto taciuto nella Giornata della Memoria
Diritti d'autore  Eurronews

Chi l'ha fatto, chi ha visto la Gorgone non è tornato per raccontare o è tornato muto. Scampato al lager di Auschwitz, così Primo Levi, ebreo, aveva accennato all'orrore nazista, che non poteva essere descritto: 6 milioni di morti umiliati, torturati, usati come cavie, gassati.
Ma c'è anche un'altra Shoah, che ha un'altro nome, Samudaripen, che in lingua Rom significa ''tutti morti'': un genocidio taciuto per un'amnesia storica che a lungo ha rimosso la morte di circa 500.000 persone di etnia ROM e Sinti.

Dice Alexian Santino Spinelli, musicista di etnia Rom, autore della poesia "Auschwitz" che orna a Berlino, nei pressi del Bundestag, il monumento dedicato alla memoria del genocidio di Sinti e Rom durante il nazismo, inaugurato il 24 ottobre 2012: "Ad Auschwitz è stata lasciata la nostra dignità e non è stata più recuperata. Perché? Per il fatto che i Rom non sono stati invitati a Norimberga per accusare i loro carnefici. Ciò significa che il Samudaripen non ha avuto la stessa rilevanza della Shoah".

75 anni fa l'Armata Rossa entrò ad Auschwitz, in una giornata divenuta simbolo e ricorrenza della Memoria. La liberazione è arrivata dopo milioni di morti. I numeri sono approssimati e si teme per difetto: un vulnus alla dignità di tanti popoli. A pagare un altissimo tributo, oltre agli ebrei, i 3 milioni di prigionieri di guerra sovietici, i 2 di polacchi, e poi slavi e dissidenti politici di diverse nazionalità.

Euronews

Uomini come topi in trappola, contrassegnati da colori e simboli diversi: giallo per gli ebrei, rosso per i prigionieri politici, marrone per i ROM e giù giù nel baratro più profondo, scavato grazie anche alle connivenze del Paese alleato.

Ricorda Spinelli: "Mio padre, un bambino di 6 anni, senza avere nessuna colpa, senza aver commesso alcun reato, è stato internato, deportato e umiliato, oltre che torturato dallo Stato italiano. Mai nessun governo italiano , nessun Capo di Stato italiano ha chiesto scusa ai Rom e Sinti, cittadini italiani internati in quanto discriminati su base etnica".
Alle minoranze, come ROM e Sinti, ma anche agli omosessuali, diversamente abili, testimoni di Geova, Pentecostali, è stata negata a lungo anche la giornata per poter ricordare: un milione di persone circa a cui è stata tolta la dignità di vittime.

Euronews