ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

New York contro Uber: limiti alle licenze per un anno

Lettura in corso:

New York contro Uber: limiti alle licenze per un anno

New York contro Uber: limiti alle licenze per un anno
Dimensioni di testo Aa Aa

New York diventa la prima città americana a imporre un tetto alle app per auto con conducenti, approvando in consiglio comunale una misura per bloccare per un anno l'emissione di nuove licenze a Uber e i suoi concorrenti.

Il testo, che deve essere firmato dal sindaco per diventare legge, prevede anche un salario minimo per chi lavora con queste app. Uber e affini sarebbero causa del traffico di New York, secondo i politici locali.

Per il colosso della Silicon Valley si tratta di un duro colpo in uno dei suoi mercati più forti, New York. Esultano i tassisti, che considerano il voto una loro vittoria: l'ascesa di Uber e simili ha infatti danneggiato pesantemente la loro attività, riducendo drasticamente gli stipendi e il valore delle licenze dei taxi. Se nel 2013 la licenza valeva 1,3 milioni di dollari, il prezzo è ora crollato a 160.000 dollari. Un crollo che si è fatto sentire anche sui salari e che - secondo il sindacato dei tassisti di New York - ha mandato sul lastrico molti e causato il suicidio di almeno sei tassisti negli ultimi sei mesi.

Tocca ora al sindaco di New York, Bill de Blasio, firmare il provvedimento che diventerà subito legge. ''Stiamo sospendendo l'emissione delle licenze a un'industria alla quale è stato consentito di crescere senza un appropriato controllo e senza appropriate regole'' ha detto lo speaker del Consiglio comunale, Corey Johnson, poco prima del voto.

Uber ha messo in guardia i suoi clienti sul fatto che la misura approvata potrebbe tradursi in un aumento dei prezzi e in attese più lunghe. Le polemiche sulla mossa di de Blasio e del Consiglio comunale sono immediate, e arrivano da clienti di Uber e non. Invece di bloccare Uber - è la critica più diffusa - le autorità dovrebbero migliorare il sistema di trasporto pubblico, e soprattutto la metropolitana. A criticare la mossa sono soprattutto i residenti fuori Manhattan, ai quali viene così a mancare un servizio essenziale.