ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La tragedia della Chapecoense, un anno dopo

Il Torino questo sabato renderà omaggio alla squadra brasiliana, vittima di un incidente aereo, al quale sopravvissero solo sei passeggeri

Lettura in corso:

La tragedia della Chapecoense, un anno dopo

Dimensioni di testo Aa Aa

E' passato un anno da quella tragica notte del 28 novembre 2016, quando il volo LaMia 2933 spariva dai radar, per precipitare a sud di Medellin, in Colombia. Quel tragico incidente cancellò un'intera squadra di calcio brasiliana: la Chapecoense, in viaggio per disputare la finale della Coppa Sudamericana contro l'Atletico Nacional.

Delle 77 persone a bordo - tra giocatori e dirigenti del club, ma anche giornalisti e membri dell'equipaggio - ne sopravvissero solo sei. Di loro, tre giocavano per la Chape, una squadra che ha dovuto ricostruirsi da zero, grazie anche alla solidarietà di tutto il mondo.

Oggi, a un anno di distanza, il laterale Alan Ruschel è tornato a giocare, il difensore Hélio Neto sta provando a fare altrettanto, mentre il portiere Jackson Follmann si allena da poco con una protesi alla gamba amputata.

La tragedia della Chapecoense è legata da un filo sottile a quella di Superga. Nel 1949 l'aereo con a bordo l'intera squadra del Grande Torino si schiantò sul terrapieno dietro la basilica del capoluogo piemontese. Delle 31 persone a bordo non si salvò nessuno. Un'intera squadra, una delle più belle della storia del calcio italiano, venne cancellata così. Ed è per questo, per questo filo sottile che le lega, che sabato contro l'Atalanta, l'undici di Mihajlovic giocherà con una maglia speciale. Verde. Proprio in onore della Chape.