ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mutazione genetica sviluppata degli Amish: 10 anni di vita in più

Nei membri di una comunità dell'Indiana, isolata dalle comodità della vita moderna, sono stati riscontrati anche meno problemi di diabete e pressione cardiovascolare

Lettura in corso:

Mutazione genetica sviluppata degli Amish: 10 anni di vita in più

Dimensioni di testo Aa Aa

Chi non lo sogna? Vivere più a lungo e stare meglio. Un team internazionale di ricercatori ha scoperto una mutazione genetica lo permette, osservata nella comunità Amish di Berne, cittadina di poco più di 4mila abitanti nell’Indiana (USA). Il patrimonio genetico dei suoi concittadini, modificatosi nel corso dei secoli, consentirebbe loro di “campare” in media 10 anni in più.


Serpine1, il gene mutante che permette di andare lontano

La scoperta apre prospettive inattese nella lotta alla degenerazione cellulare associata all’ invecchiamento e potrebbe permettere di migliorare in modo significativo i trattamenti attualmente in fase di sperimentazione clinica. “Questa è la prima mutazione genetica umana che sta dimostrando di avere un impatto multiplo sui cambiamenti biologici derivanti dall’ invecchiamento”, dice il professor Douglas Vaughan, a capo della Facoltà di Medicina della Northwestern University di Chicago. Lo studio cruciale, che può essere ·letto in dettaglio sul sito della rivista americana Science Advances·:http://advances.sciencemag.org/content/3/11/eaao1617, è stato condotto su 177 membri della comunità Amish, dai 18 agli 85 anni. Ben 43 di loro hanno avuto la fortuna di beneficiare della mutazione del gene chiamato Serpine1: è proprio questo che riduce fortemente la produzione della proteina PAI-1 nell’organismo, la causa principale dell’invecchiamento cellulare e tissutale.
Le persone in cui è stata riscontrata questa mutazione in pratica guadagnano circa 10 anni di vita in più rispetto alla aspettativa di vita media negli Stati Uniti.

Un’ altra importante scoperta dei ricercatori è che i telomeri (parte terminale di un cromosoma che protegge l’estremità del cromosoma stesso dal deterioramento o dalla fusione con cromosomi confinanti) Amish del gene mutante sono circa il 10% più lunghi di quelli di altri individui. La riduzione del telomero, che si verifica in ogni divisione cellulare, contribuisce all’ invecchiamento. I membri della comunità interessati, inoltre, hanno sofferto meno problemi a livello cardiovascolare e di diabete.

La ricompensa per una vita tranquilla?

Gli Amish vivono in Nord America e praticano una religione anabattista originaria dei cantoni di lingua tedesca della Svizzera. Sono noti per il loro stile di vita particolarmente salutare, lontano dagli agi (inclusa l’elettricità) della società consumistica occidentale. Gli agricoltori, gli artigiani e i tessitori Amish non usano trattori, viaggiano solo in carrozze trainata da cavalli e preferiscono la medicina tradizionale. Soprattutto, camminano molto: svolgono questa attività fisica, la loro preferita, quasi sei volte in più degli altri americani.
Ora quindi sappiamo cosa fare per invecchiare meglio e goderci il viaggio più a lungo. Tuttavia entrare a far parte della comunità degli Amish può risultare piuttosto complicato visto che essi vivono principalmente negli USA (in 31 stati) o in 3 province canadesi. Non resta che trarre ispirazione dalla loro filosofia di vita, nel nostro piccolo.