ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Caporetto fu una "vittoria"

Nello sviluppo di questa tesi paradossale si trova il significato dei due reportage su Caporetto e Vittorio Veneto del Capitano del Regio Esercito Giuseppe Prezzolini

Lettura in corso:

Caporetto fu una "vittoria"

Dimensioni di testo Aa Aa

La battaglia di Caporetto o dodicesima battaglia dell’Isonzo (in tedesco Schlacht von Karfreit, o zwölfte Isonzoschlacht), venne combattuta sulle Alpi orientali durante la prima guerra mondiale tra il Regio Esercito italiano e le forze austro-ungarico- tedesche.

Lo scontro, cominciato nella notte del 24 ottobre 1917, rappresenta la più cocente disfatta nella storia dell’esercito italiano. Il termine Caporetto viene utilizzato come sinonimo di sconfitta totale.

L’attacco era stato previsto dal comando italiano, ma i vertici militari ne avevano sottovalutato portata. Le resistenze si rivelarono subito vane. In poco tempo il ripiegamento si fece ritirata e la ritirata divenne disfatta che produsse oltre diecimila morti, trentamila feriti e quasi trecentomila soldati caduti in mano al nemico.

Fra i libri che in questi ultimi anni hanno ricordato la grande guerra spicca la riedizione di un testo che lo scrittore umbro Giuseppe Prezzolini poté pubblicare solo a guerra finita per la feroce critica che lancio’ contro l’insieme della classe politica e dirigente italiana: Dopo Caporetto – Vittorio Veneto

Oggi la cittadina di Kobarid, cioè l’ex italiana Caporetto, nel suo Museo della guerra intona non solo un inno alla pace ma anche all’umiltà. Non a caso i vincitori di Caporetto persero la guerra e Prezzoni nel suo testo scrisse cosi’ :«Se volessi esprimermi paradossalmente, direi che Caporetto è stata una vittoria, e Vittorio Veneto una sconfitta per l’Italia. Senza paradossi si può dire che Caporetto ci ha fatto bene e Vittorio Veneto del male; che Caporetto ci ha innalzati e Vittorio Veneto ci ha abbassati, perché ci si fa grandi resistendo ad una sventura ed espiando le proprie colpe, e si diventa invece piccoli gonfiandosi con le menzogne e facendo risorgere i cattivi istinti per il fatto di vincere».

Nello sviluppo di questa tesi paradossale è da ricercare il significato dei due reportages su Caporetto e Vittorio Veneto del capitano del Regio Esercito Giuseppe Prezzolini. Concepiti, scritti e pubblicati immediatamente dopo le due battaglie, nello spirito anticonformista della «Voce», essi intesero essere – nell’esser racconto di guerra – guerra essi stessi alla retorica nazionale.