This content is not available in your region

Brexit: oggi Theresa May in visita a Bruxelles

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Brexit: oggi Theresa May in visita a Bruxelles

<p>Come uscire dal vicolo cieco della Brexit? Un tentativo ai vertici sarà quello di oggi, con la visita a sorpresa che la Premier britannica Theresa May fa a Bruxelles. La leader conservatrice sarà accompagnata dal Ministro per la Brexit David Davis e incontrerà il Presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker e il capo negoziatore Michel Barnier.</p> <p>Il tentativo è quello di sbloccare la situazione di stallo in cui si trovano le trattative per gestire la separazione tra Londra e la famiglia europea, trattive finora assomigliate molto ad un dialogo tra sordi.</p> <p>Giovedì e venerdì i Capi di Stato e di governo potrebbero fare un primo passo, rinviando la decisione a dicembre. Ma Londra non esclude del tutto una rottura secca.</p> <p>Chris Grayling, Ministro dei Trasporti britannico: “Non c‘è nessun leader economico in questo Paese che sarebbe disposto ad accedere a un negoziato accettandone i termini senza condizioni. Quindi è ovvio, dobbiamo tenere in conto lo scenario dell’assenza d’accordo. Non è quel che ci aspettiamo, non lo desideriamo e non credo che sia la direzione in cui andremo” ha detto.</p> <p>Tra i punti che destano maggior preoccupazione da parte europea, il futuro dei cittadini del Vecchio Continente residenti nel Regno. Euronews ha incontrato il Ministro britannico per i rapporti con Europa e Americhe Alan Duncan.</p> <p>“Hanno dato un contributo incredibile alla diversità della società britannica, li consideriamo un valore ed è per questo che vogliamo che restino. E uno degli scopi principali del negoziato con l’Unione Europea è garantire che gli ungheresi che vivono nel Regno Unito possano proseguire la loro vita come prima” ha detto al corrispondente di euronews.</p> <p>Quando la separazione tra Londra ed Unione Europea è ormai a metà del suo iter, tra il referendum del 2016 e l’uscita del Regno a marzo 2019, non esiste ancora alcuna intesa tra le parti.</p>