ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Il n°2 della Commissione intelligence del Senato USA: Putin influenzò le elezioni americane


Federazione russa

Il n°2 della Commissione intelligence del Senato USA: Putin influenzò le elezioni americane

Il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato una campagna deliberata attentamente costruita per minare le nostre elezioni.

Lo ha detto il vice presidente della Commissione del Senato sull’intelligence, il senatore democratico della Virginia Mark Warner.

La Commissione ha esortato il presidente degli Stati Uniti Trump a contrastare l’azione del Cremlino.

Secondo Warner probabilmente Mosca starebbe cercando di intervenire anche nelle elezioni presidenziali in Francia e in quelle politiche in Germania.

Dice Clinton Watts , esperto di sicurezza nazionale statunitense:

I russi starebbero cercando di scardinare le democrazie occidentali dall’interno, con l’obiettivo di disgregare l’Unione Europea e la NATO.

Leggete sulle mie labbra

Il Presidente russo Vladimir Putin risponde con ironia. A domanda precisa, parafrasando la famosa frase dell’ex presidente americano George Bush – leggete sulle mie labbra, niente nuove tasse – ha replicato:

Leggete sulle mie labbra: No!

Il Cremlino non avrebbe dunque mai tentato di influenzare le elezioni all’estero.

Ma le accuse americane continuano a piovere sui presunti hacker russi. Due settimane fa Mosca ha dovuto smentire ogni implicazione russa nel più massiccio cyberattacco mai realizzato finora (hacking di 500 milioni di indirizzi) che aveva preso di mira Yahoo! nel 2014.

Le autorità statunitensi hanno rinviato a giudizio quattro persone, fra loro due membri dell’FSB, il servizio segreto russo.

Belgio

Scontri e feriti a Bruxelles fra pro e contro Erdogan