ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Trump: davanti al Congresso un discorso dai contenuti duri ma dai toni pacati

Il taglio delle tasse per la classe media, più investimenti nel settore militare, una nuova riforma sanitaria e la stretta sui migranti.

Lettura in corso:

Trump: davanti al Congresso un discorso dai contenuti duri ma dai toni pacati

Dimensioni di testo Aa Aa

Il taglio delle tasse per la classe media, più investimenti nel settore militare, una nuova riforma sanitaria e la stretta sui migranti.
Sono le promesse di Donald Trump davanti al Congresso riunito in seduta comune. Un discorso, quello del presidente, che qualcuno giudica più pacato del solito. Per altri invece i toni usati sono diversi perché l’occasione lo richiedeva. Ma i contenuti restano gli stessi.

“Credo che una vera e positiva riforma della politica sull’immigrazione sia possibile – ha detto Trump – fintanto che ci focalizzaremo su questi obiettivi: migliorare occupazione e stipendi per gli americani, rafforzare la sicurezza della nazione e ripristinare il rispetto per le nostre leggi”.

Applausi dai repubbblicani, che l’hanno omaggiato con una standing ovation, mentre i democratici rimanevano immobili. Le donne appartenenti al partito dell’asinello hanno scelto di vestirsi di bianco, in omaggio alle suffragette, per rivendicare i diritti delle donne.

“Credo – commente Ted Cruz, senatore del Texas – che siamo pronti per essere il Congresso più produttivo degli ultimi decenni. E penso che il presidente Trump abbia proposto una visione coraggiosa e io non vedo l’ora che il Congresso, che tutti noi ci ribocchiamo le maniche per compiere questa missione”.

“Penso – ironizza Sheila Jackson Lee, rappresentante per il 18° distretto congressuale del Texas – che si debba fare qualcosa, più che parlare. Bisogna davvero passare all’azione, e le ultime due settimane di questa amministrazione, per me, hanno dato più un’idea di divisione che di unità. Francamente ero alla ricerca di un ramo d’ulivo per parlare seriamente di come potremmo lavorare insieme.

Gli ultimi sondaggi rivelano che solo il 44% degli americani approva questo inizio di presidenza ed è forse per questo che i toni del discorso di Trump sembravano mirati a riconquistare la fiducia degli statunitensi. Se le promesse davanti al Congresso sono state molte, non si può dire lo stesso dei dettagli sulla realizzazione di un simile programma legislativo che rischia di gravare pesantemente sul deficit di bilancio.