ULTIM'ORA

La resistenza "verde" a Trum si fa on line: al via gli account Twitter "alternativi"

Trump sta tenendo fede alla sua promessa di rivedere la politica sul clima di Obama.

Lettura in corso:

La resistenza "verde" a Trum si fa on line: al via gli account Twitter "alternativi"

Dimensioni di testo Aa Aa

Trump sta tenendo fede alla sua promessa di rivedere la politica sul clima di Obama. Il primo passo è stato quello di “far sparire qualsiasi riferimento al riscaldamento globale” http://www.euronews.com/2017/01/25/trump-administration-removes-obama-era-apology-to-lgbti-community-for dal sito della Casa Bianca.

In una nota si spiega che: “Il presidente Trump è impegnato a eliminare politiche inutili e dannose come il Climate Action Plan”, il piano avviato nel 2008 da Barack Obama per tutelare l’ambiente e ridurre le emissioni di anidride carbonica.

L’operazione si è spinta ben oltre: da quando è stato eletto circa 50 scienziati di diverse università americane hanno studiato dati governativi pubblicati sui siti di diverse agenzie federali sui cambiamenti di temperatura, le emissioni di gas serra e tutti i fenomeni legati al riscaldamento globale.

Ma c‘è dell’altro. Il presidente Trump ha vietato ai dipendenti dell’Epa, Agenzia per la protezione ambientale, di fornire aggiornamenti sui social media. Ogni documento scientifico prodotto deve essere prima passato in rassegna dal team di Trump.

Sentito da The Associated Press, il capo del team di transizione di Trump per l’ambiente, Myron Ebell, ha detto che non è stata data nessuna disposizione per sottoporre la ricerca scientifica a una revisione politica, ma che l’amministrazione Trump vuole “dare uno sguardo a tutto.”

Alcuni contenuti sono spariti senza motivo da alcuni social media di agenzie ambientali o parchi: è successo ai tweet postati dal Badlands National Park sulle emissioni di CO2 e l’acidificazione degli oceani.

Per sviare quella che già sembra un’operazione di controllo e censura, i dipendenti di diverse agenzie hanno aperto una serie di account Twitter alternativi: un network ben nutrito che include l’Agenzia per la protezione dell’ambiente, la Nasa e il National Park Service.

Questi account Twitter rappresentano una forma di resistenza a Trump e alle sue politiche. Trattandosi di account privati non sono sotto il controllo di Washington.

Questi account Twitter hanno chiamato a raccolta già migliaia di seguaci spesso usando l’hashtag #resist or #resistance. L’account alternativo del National Park Service ha circa 950mila followers, quello della NASA già oltre 40mila.

Trump va avanti per la sua strada. Tra le misure prese anche il via libera agli oleodotti che Obama aveva bloccato ritenendo che l’impatto ambientale era troppo grave rispetto agli scarsi benefici: il Dakota Access e il Keysonte Xl, due controverse infrastrutture per aumentare le riserve di petrolio degli Stati Uniti.

Ma ora dovrà vedersela con questa resistenza “verde” on line che è appena cominciata.