ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Schiaparelli si è schiantato su Marte: lo conferma l'Agenzia spaziale europea


mondo

Schiaparelli si è schiantato su Marte: lo conferma l'Agenzia spaziale europea

È finito con uno schianto, il viaggio sul suolo di Marte del lander Schiaparelli della missione ExoMars. La conferma è arrivata dall’Agenzia spaziale europea (Esa) che cerca ora di capire cosa non ha funzionato e perché il 19 ottobre durante la fase di discesa verso il pianeta rosso. A 50 secondi circa dall’arrivo previsto, Schiaparelli è precipitato a una velocità superiore ai 300 km all’ora, forse per un’anomalia al software di bordo.

“Schiaparelli ha rilasciato il paracadute frenante troppo presto mentre i retrorazzi sarebbero stati accesi solo per pochi secondi, che è un tempo insufficiente. Il lander ha raggiunto, quindi, la superficie con una velocità molto superiore a quella che averebbe dovuto avere, a diverse centinaia di chilometri all’ora e, quindi, si è distrutto con l’impatto al suolo”, ha spiegato il direttore delle operazioni di volo della missione, Michel Denis.

La sonda Mro (Mars Reconnaissance Orbiter) della Nasa ha fotografato il cratere generato dallo schianto che si trova circa 5 chilometri a ovest del punto in cui Schiaparelli avrebbe dovuto toccare il suolo. La seconda parte della missione è in calendario nel 2020.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

Cina

Dopo le Filippine, il tifone Haima si abbatte su Hong Kong