ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Apprensione nei Caraibi per l'arrivo dell'uragano Matthew


Giamaica

Apprensione nei Caraibi per l'arrivo dell'uragano Matthew

ALL VIEWS

Clicca per scoprire

Le isole dei Caraibi sotto la minaccia dell’uragano Matthew.

In Giamaica già si vedono i primi efetti, con piogge torrenziali e inondazioni anche nella capitale Kingston. Il fenomeno atmosferico si prevede sarà fra i più forti degli ultimi anni, anche se è stato declassato da categoria 5 – la massima potenza – a 4. Infatti questo uragano ha la particolarità di muoversi molto lentamente, a 7 km all’ora, e dunque i suoi effetti, in ogni zona toccata, sono potenzialmente ancora più devastanti perché insolitamente prolungati nel tempo.

Nelle prossime ore i venti, fino a 230 km orari, spazzeranno anche Haiti e Cuba , dove la popolazione si prepara:

Dice Yaritza , un’abitante di Santiago:

Stiamo facendo la coda per acquistare cibo e generi di prima necessità per far fronte all’emergenza.

Anche i numerosi turisti dovranno fare i conti con le norme di sicurezza. José viene dalla Spagna:

Ci hanno detto che non possiamo lasciare l’albergo, che quando arriva l’uragano dobbiamo restare nelle nostre stanze, e non muoverci finché il personale non ci dice che non c‘è più pericolo.

La stagione degli uragani è sempre più lunga

Particolare angoscia vive di Haiti , il paese più povero delle Americhe e dove l’emergenza, dopo il terremoto del 2010, non è mai finita.

La popolazione delle regioni più meridionali, è stata evacuata. In certe località si prevedono fino a un metro di precipitazioni.

A causa dei mutamenti climatici la stagione degli uragani in Atlantico è sempre più lunga. Tradizionalmente va da giugno a fine novembre, ma quest’anno il primo uragano, Alex, si era già formato in gennaio.

ALL VIEWS

Clicca per scoprire

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Turchia, arrestato ed accusato di terrorismo il fratello di Fethullah Gülen