ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Ue: al mini-summit dei Paesi del sud ad Atene una piattaforma comune per la crescita

mondo

Ue: al mini-summit dei Paesi del sud ad Atene una piattaforma comune per la crescita

Pubblicità

Rilanciare la crescita, mantenere la promessa europea di giustizia sociale: sono le conclusioni della riunione dei leader di sette Paesi dell’Europa del sud, fra i quali il primo ministro italiano Renzi, ad Atene.

Un’iniziativa che ha lo scopo di unire e rafforzare l’Europa, secondo il premier greco Tsipras, a una settimana dal vertice dei capi di Stato e di governo europei a Bratislava.

“Il nostro obiettivo non è più Europa o meno Europa, ma un’Europa migliore che torni a ispirare i cittadini europei”, sostiene Tsipras.

“Siamo in una fase nella quale l’Europa non può continuare a essere soltanto regole, technicalities, finanza e austerity”, ha affermato Renzi. “L’Europa di domani dovrà essere innanzitutto basata e concentrata sui valori profondi che l’hanno fatta grande, l’Europa sociale, l’Europa degli ideali, l’Europa della bellezza”.

I leader di Grecia, Italia, Francia, Portogallo, Spagna, Cipro e Malta prevedono di incontrarsi di nuovo. Il mini-summit è stato criticato dalla Germania, sostenitrice dell’ortodossia di bilancio, e dal presidente dei popolari al parlamento europeo.

Stamatis Giannisis, euronews: “Organizzando il summit euro-mediterraneo, Alexis Tsipras ha puntato a ricevere il sostegno degli altri leader per formare un fronte anti-austerità che possa sfidare la retorica di Berlino su ulteriori misure di rigore. Ma questa riunione serve al primo ministro greco anche in casa per recuperare la popolarità del suo governo in calo”.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo