ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Yemen, la guerra dell'Arabia Saudita

A quasi un anno dall’inizio della guerra in Yemen, l’Onu chiede un cessate il fuoco. Il bilancio delle vittime, più della metà civili, si aggrava di

Lettura in corso:

Yemen, la guerra dell'Arabia Saudita

Dimensioni di testo Aa Aa

A quasi un anno dall’inizio della guerra in Yemen, l’Onu chiede un cessate il fuoco.

Il bilancio delle vittime, più della metà civili, si aggrava di giorno in giorno.

Stephen O’Brien, sottosegretario generale per gli affari umanitari:

http://www.un.org/sg/management/senstaff_details.asp?smgID=191

“Dal marzo 2015, ci sono state più di 35 mila vittime, di cui 6000 morti. L’Onu ha confermato che erano civili i circa 3000 morti e oltre 5600 feriti”.

Il blocco dei porti imposto dall’Arabia saudita aggrava ulteriormente la situazione della popolazione locale, che prima della guerra importava circa il 90% dei generi di prima necessità.
http://www.deagostinigeografia.it/wing/schedapaese.jsp?idpaese=190#

Stando sempre a un rapporto dell’organizzazione internazionale, le parti in conflitto, la coalizione guidata dall’Arabia saudita, da una parte, e gli Houti dall’altra, prenderebbero di mira obiettivi civili, tanto che alcuni attacchi potrebbero essere considerati crimini contro l’umanità.

Il braccio di ferro tra Onu e Arabia Saudita non aiuta a risolvere un conflitto che nelle intenzioni di Riad doveva essere un a guerra lampo e che invece, malgrado la superiorità tecnologica saudita, si è trasformata in guerriglia. La geografia e l’orografia del Paese aiutano gli houti, ribelli sciiti filo iraniani.

http://www.eastonline.eu/it/opinioni/open-doors/sullo-yemen-l-ira-di-un-arabia-saudita-sempre-piu-impotente

A pagare il prezzomaggiore come sempre i civili e i bambini in modo particolare. Si stima che circa 700 bambini siano rimasti uccisi nel conflitto, oltre 1000 sono invece quelli feriti.
L’80% dei civili sofrirebbe per la mancanza di generi alimentari, secondo i dati Unicef il numero dei bambini mal nutriti è raddoppiato in dieci mesi. Sono 1,3 milioni.